Primati e Big Five - light

durata viaggio 11 giorni

 

1° giorno

Arrivo a Entebbe-Ziwa Rhino Sanctuary 

L’arrivo all’aeroporto sorvolando un rosario di isole è spettacolare. Posta sulle sponde dell’immenso Lago Vittoria, l’ex capitale del paese gode di una posizione invidiabile e conserva un certo fascino coloniale, con i suoi viali alberati e diversi edifici degli anni ‘30. Partenza di buon mattino verso nord-ovest. Si imbocca la strada per Kampala, che all’inizio segue le sponde del lago per poi continuare nell’interno. Attraversiamo la capitale del paese, la cui architettura eterogenea testimonia l’influenza delle diverse componenti della popolazione. Superata la città, i campi di banani e di ignami lasciano progressivamente il posto a fazzoletti coltivati a manioca e mais. A circa 200 km da Entebbe una deviazione conduce a Ziwa Rhino Sanctuary, una riserva dove da alcuni anni è in atto un progetto di ripopolamento del rinoceronte bianco, da termpo estinto in Uganda a causa della caccia indiscriminata. Sistemazione al Ziwa Guest House.
 

2° e 3° giorno

Ziwa Rhino Sanctuary - Parco Murchison Falls

Al mattino, guidati da un ranger, è prevista una passeggiata nel bush per avvicinare il rinoceronte, senza dubbio il più raro dei “big 5”. Si prosegue per il Parco Murchison: I meandri del Nilo e le sue cascate impressionanti, le piane erbose e le colline arbustive, le foreste primarie e le paludi del delta, le rive del lago e le savane di palme borassus fanno di questo parco dalla selvaggia bellezza un vero gioiello della natura. Impressionanti, le cascate di Kabalaga (dette anche Murchison, dal nome dello scopritore inglese), che prendono il nome di un capo tribù che oppose una feroce resistenza agli esploratori europei e ai mercanti di schiavi sudanesi alla ricerca delle sorgenti del Nilo bianco. Qui l’enorme massa d’acqua del grande fiume è spinta a forza in una gola larga circa 20 metri: IL Nilo sbuffa, tuona roboante, compie un impressionante salto di un’ottantina di metri per riprendere il suo corso tranquillo a valle, dove le acque si confondono con l’immensità del lago Alberto, prima di intraprendere il lungo cammino verso il mediterraneo. Affascinante contrasto. Si rimonta il letto del fiume a bordo di una lancia a motore per avvicinarsi alle cascate, occasione unica per osservare migliaia di uccelli dai colori vivaci, mandrie di bufali, ippopotami semi sommersi e decine di coccodrilli stesi al sole. Esperienza indimenticabile! Il cob ugandese è l’antilope più diffusa nel parco, bufali e oribis sono comuni, così come le giraffe, i leoni, i leopardi. Tra gli uccelli è d’obbligo citare il calao terrestre e la rara cicogna dal becco a zoccolo. Sistemazione al Murchison River Lodge (thatched tent).
 

4° giorno

Lago Alberto – Kibale Forest

All’uscita dal parco, IL ramo occidentale del Rift è qui occupato dal lago Alberto. La zona è percorsa da mandrie di piccoli zebù sorvegliati dai grandi e fieri pastori Alur le cui donne coltivano campi di manioca e cotone e rinnovano spesso la copertura in paglia delle spaziose capanne. La strada si arrampica sulla falesia dirupata del Rift e attraversa una regione agricola assai fertile nella quale germogliano tabacco e patate dolci. In questa giornata si penetra nell’Uganda profonda, quella delle campagne e dei villaggi attraversati solo da una sinuosa pista di laterite rossa. Da Hoima a Fort Portal si stende una zona di altopiani scavati da valli profonde sul cui fondo i fiumi si trasformano in palude. Parecchi villaggi importanti sorgono lungo la pista e servono da punto di scambio per i contadini che spesso vi portano a spalle il loro raccolto. Le attività agricole e pastorali occupano la totalità della popolazione. Più a sud iniziano le grandi piantagioni di thè che invadono l’orizzonte. Dopo la biforcazione di Kyanjojo il rilievo diviene più tormentato ed annuncia i contrafforti del Ruwenzori, del quale si può ammirare da lontano la cima innevata. Si giunge quindi alla Kibale Forest. Sistemazione al Chimps Forest Guest House.
 

5° giorno

Gli scimpanzè della Kibale Forest

Poco a Sud della cittadina di Fort Portal, a Est del Ruwenzori e a nord del Parco Queen Elizabeth si estende il Kibale National park, di recente istituzione. Snobbato dai turisti più frettolosi, questo parco è caratterizzato da uno splendido ambiente forestale che ospita più di 300 specie di uccelli e ben 13 specie di primati, tra cui colonie di timidi scimpanzè che sono stati oggetto di studi comportamentistici da parte del primatologo americano Wrangham. Qui è possibile provare l’emozione di un chimp trek, una passeggiata nel bush con la speranza di avvistare i nostri cugini. Proseguiamo attraverso paesaggi di struggente bellezza, dominati da picchi montuosi e laghi vulcanici e, superata la linea dell’Equatore, si raggiunge il magnifico Parco Queen Elizabeth. (per poter raggiungere Ziwa il giorno d’arrivo è necessario atterrare a Entebbe intorno alle ore 12.00In caso di arrivi pomeridiani o serali sarà necessario pernottare in città). Sistemazione al Queen Elizabeth Bush Lodge oppure a Simba Camp.
 

6°, 7 ° e 8° giorno 

Queen Elizabeth National Park

Questo Parco sorge nel cuore del Rift occidentale ed ingloba i laghi Edoardo e Giorgio, legati tra loro dal canale naturale di Kazinga. Il massiccio del Ruwenzori, le cui cime eternamente innevate culminano a più di 5000 metri d’altezza, domina la foresta tropicale, i laghi vulcanici, le paludi e le piane erbose che costituiscono i diversi biotopi della riserva. I paesaggi sono magnifici e quanto mai vari. Vivono qui più di 500 specie di uccelli, una buona parte delle quali si può ammirare percorrendo a bordo di una lancia il canale nel quale vengono ad abbeverarsi  bufali ed elefanti. Sulle colline invase da euforbie a candelabro sono numerosi i cob. Procedendo verso Sud lo scenario cambia, e le distese erbose dominate da palme borassus cedono il posto a una savana punteggiata da acacie ad ombrello e fig trees.  Siamo nella zona di Ishasha, dove con un po’ di fortuna si possono osservare le leonesse che si riposano sui rami degli alberi. 1 notte al Queen Elizabeth Bush Lodge oppure a Simba Camp e 2 notti a Enjojo Lodge oppure a Ishasha Jungle Lodge.
 

9° giorno

Ingresso in Rwanda

Procediamo ancora verso sud. Le colline arrotondate sono percorse dalle mandrie dei pastori Banyaankole, le valli incassate occupate da piantagioni di banane e caffé. Il paesaggio che ci si profila è una tavolozza delle più varie sfumature di verde: il verde bluastro degli eucalipti che separano gli innumerevoli appezzamenti, il verde scuro dei cipressi che costeggiano le piste, il verde tenero delle risaie  che occupano i fondovalle. Poi, a un tratto, l’indimenticabile vista sulla catena dei vulcani. Siamo finalmente in Rwanda, a Ruhengeri.
Sistemazione all'Hotel La Palme.
 

10° giorno

I Gorilla di montagna – Lago Kivu

Al mattino si raggiunge il gate del Parc National Des Volcans. E’ giunto il giorno di una delle esperienze più straordinarie, indimenticabili che un safari in Africa possa regalarci. Con l’aiuto di una guida e dei  battitori partiamo nel fitto della foresta primaria, alla ricerca dei gorilla di montagna. Vegetariani, amano le foreste umide. Le famiglie, composte da 8 a 20 individui comprendono un maschio dominante, delle femmine adulte e più adolescenti. Il maschio dal dorso argentato può arrivare ad un peso di 250 chili e raggiungere una statura di 1,70 metri.  Bonari e pacifici, i grossi primati ci osservano cibandosi nel loro universo vegetale. Momento inteso, momento unico. Rientrati dal trekking si procede alla volta di Gisenyi, sulle sponde del magico Lago Kivu. Sistemazione al Malahide Paradise.
 

11° giorno

Lago Kivu – Kigali

Si parte per Kigali, la capitale, il luogo dove forse si percepisce maggiormente il gran fermento e la ritrovata voglia di vita di un paese che, in passato, ha molto sofferto. Nel pomeriggio transfer in aeroporto e imbarco sul volo di rientro.
 
 
 
 
NB:
 
Per ragioni tecnico-operative l’itinerario potrebbe svolgersi in senso inverso senza comprometterne l’integrità.
 
L’elenco finale dell’accommodation prevista sarà disponibile a prenotazione avvenuta.
 
 

 


PREZZI PER PERSONA IN DOPPIA

 
Lodges Light e Minivan
 
a partire da 2 partecipanti € 2575
a partire da 3 partecipanti € 2405
a partire da 4 partecipanti € 2180
a partire da 5 partecipanti € 2070
 
Lodges Light e Fuoristrada
 
a partire da 2 partecipanti € 2910
a partire da 3 partecipanti € 2685
a partire da 4 partecipanti € 2460
a partire da 5 partecipanti € 2350
a partire da 6 partecipanti € 2290
 
 
Ingressi ai Parchi e permessi Gorilla e Scimpanzè US$ 1935
 
 

Possibilità di safari privati in date di partenza libere

 

Prezzi e date di partenza

data di partenza rientro Note particolari Prezzo HS Calc

Calcolo del prezzo


Descrizione Costo
Costi fissi
Prezzo base a persona in camera doppia € 2070
isc + assicurazione medico/bagaglio € 80
Supplemento alta stagione € 140
Tasse aeroportuali indicativamente* € 0
Costi accessori e supplementi
Supplemento camera singola € 390
  TOTALE DEI COSTI  

costi annessi e supplementi


Costo a persona Prezzo
Tasse Aeroportuali, da verificare al momento dell'emissione del biglietto € 0
Sistemazione in singola € 390
Iscrizione ed Assicurazione medico-bagaglio € 80


 

Le quote comprendono:
Sistemazione nelle strutture ricettive sopra citate o equivalenti
Pensione completa, dalla cena del 1° giorno al pranzo del 11° giorno (per alcuni pranzi sono previsti i pic nic)
Tutte le escursioni e le visite citate
Esperta guida locale parlante inglese
Acqua minerale durante i trasferimenti in auto
 
Le quote non comprendono:
I voli da e per l’Italia
I visti d’ingresso (Uganda USD 50, Rwanda USD 30, da pagare all’arrivo; in alternativa è possibile richiedere in Europa l’East Africa Multiple Visa)
L’iscrizione ed assicurazione medico/bagaglio 
Mance, bevande, extras di natura personale, eventuali tasse aeroportuali da pagare in loco, quanto non espressamente citato.
 
Supplementi:
°Supplemento terrestre alta stagione (vacanze di Natale/Capodanno)
Assicurazione annullamento facoltativa

 

 

Le quote offerte si basano sul rapporto di cambio di USD 1 = € 0,87 e sono suscettibili ad adeguamento valutario.
 
Gli importi delle tasse d’entrata ai Parchi e dei permessi Gorilla e Scimpanzè sono espressi a parte, in dollari USA e possono subire variazioni indipendentemente dalla nostra volontà. I permessi vanno acquistati al momento dell’iscrizione e non sono rimborsabili in caso di cancellazione.
 
I voli da e per l’Italia sono prenotabili su richiesta, verrà applicata la migliore tariffa disponibile al momento della prenotazione.
 



Assicurazione Annullamento facoltativa


Quota di partecipazione al viaggio Premio per assicurato
Fino a € 1.500,00 € 35
Fino a € 2.000,00 € 50
Fino a € 2.500,00 € 60
Fino a € 3.000,00 € 70
Fino a € 4.000,00 € 90
oltre e fino a € 8.000,00 € 120


Attenzione: la richiesta di assicurazione contro il rischio annullamento va confermata contestualmente alla conferma del viaggio e viene resa operativa al momento del ricevimento dell'acconto.

torna ad info e viaggi: Uganda

Punti forti del viaggio

lago Vittoria, Entebbe, Kampala, Murchison Falls, Nilo Victoria, Fort Portal, Ruwenzori, Kibale, Queen Elizabeth park, Kazinga Channel, Ishasha, Rwanda, Parc des Volcans, lago Kivu, Kigali.

In Breve...

l’Uganda e il Rwanda regalano l’emozione (imperdibile!) dell’incontro con i primati. E certo non offre di meno il contesto! Il Nilo Vittoria, i grandi laghi, le alte montagne dalle cime innevate, le foreste primarie, i parchi tripudio di vita: una natura sublime, quasi eccessiva! Tutto è spudoratamente esagerato, grandioso, impressionante. E poco frequentato. Meglio di così... Paesi da visitare certi di essere accolti da popolazioni amichevoli che hanno ritrovato una spontanea ospitalità, un’incredibile voglia di vita.

Richiesto per partire:

  • Passaporto valido
  • Visto/i ottenibile in loco
  • Consigliata la profilassi antimalarica