Itinerari ed informazioni per viaggiare in Etiopia

Viaggi in Etiopia

Dancalia

una spedizione realizzabile solo durante i mesi “freddi” che permettono di affrontare alcune zone dalle temperature altrimenti improponibili. Parliamo della depressione dancala, profonda ferita lungo la direttrice della Rift Valley. È stata definita “il cammino verso l’inferno”, bizzarra e inquietante regione di deserti incandescenti, laghi alcalini e vulcani, territorio suggestivo abitato dai fieri Afar. Le sculture di sale e i colori bizzarri di Dallol, il ventre infuocato del vulcano Erta Ale, le ambe e le chiese rupestri del Tigray. Una favola!

...programma di viaggio dettagliato

I popoli dell'Omo River

le donne Mursi inseriscono piattelli di terracotta decorata nelle incisioni praticate nel labbro inferiore e nei lobi delle orecchie, le Bume si coprono di pelli e di enormi collane colorate, le Karo infiggono profondamente un lungo ago nel mento, le Hammer lasciano il seno seminascosto tra i molti fili di collane. Anche gli uomini sono vanitosi. Il viver nudi li obbliga a limitarsi a decorazioni corporee: scarificazioni complesse, pitture bianche che contrastano bene sulla pelle scura, ciuffi di piume issate sulla testa rasata. È forse nata qui la Body Art?

...programma di viaggio dettagliato

Abissinia

intrigante questo percorso che si snoda tra impervi passi di montagna, boschi di eucalipti, gole ed altipiani verdeggianti di orzo. Ai mercati e nei villaggi tra gente umile e cordiale infagottata nel caratteristico chamma bianco, nelle chiese tra preti e monaci, semplici, affabili, depositari della cultura copta e custodi di autentici scrigni d’arte. Dai tempi di re Salomone e della regina Makeda ad oggi. Ma esiste davvero l’Arca dell’Alleanza? Duemila anni di storia, sotto i cieli tersi della terra che in “quegli anni” si chiamava Abissinia.

...programma di viaggio dettagliato

Terra selvaggia

una spedizione nel sud dell’Etiopia è un viaggio in una terra così selvaggia da aver preservato chi la abita da qualunque contatto con il mondo occidentale e con lo stesso nord. Una natura primitiva, ricca e prepotente. La sua essenza pervade lo spirito delle genti, fiere dei sistemi di vita ancestrali, indifferenti alle delizie della modernità, belle nei “vestiti” di piume, pelli, conchiglie e metallo. Dedicato a chi ama esplorare luoghi vergini conscio della capacità di adattamento e dell’umano rispetto richiesti.

...programma di viaggio dettagliato

Nord e Sud

il nord dell’Etiopia, terra di genti cortesi ma riservate. I simboli della religione copta sono onnipresenti: chiese e monasteri, preti e suore, festività profondamente sentite dai fedeli, arte ed artigianato sacri molto vitali. I grandi spazi verdi, i mercati affollati, le cittadine popolose. Come tutto cambia al sud! Una natura quasi ovunque vergine e genti animiste che vivono al ritmo immutabile della vita di sempre. Popoli belli, fieri, rudi, a volte aggressivi, usi a provvedere ogni giorno alla mera sopravvivenza, affascinano per la loro genuinità.

...programma di viaggio dettagliato

Scheda paese

  • Clima, quando andare in Etiopia: : L'Etiopia, compresa tra il Tropico del Cancro e l'Equatore, è un paese tropicale con condizioni climatiche determinate più dall'altitudine che dalla latitudine. L'altopiano, con un altitudine che va dai 2000 ai 3000 metri, presenta un clima ideale, uno dei migliori del mondo. A Nord possiamo distinguere due periodi: quello delle piogge, da metà giugno a tutto settembre, e quello secco, da ottobre a giugno, interrotto tra marzo e aprile dalle piccole piogge. Le giornate presentano temperature intorno ai 25°, le notti sono piuttosto fresche. Le regioni meridionali sono caratterizzate da altitudini inferiori e temperature più elevate. Al Sud la stagione delle piogge interessa invece i mesi di aprile, maggio, giugno.
  • Acquisti: I prodotti artigianali sono molteplici in questo paese ancora poco industrializzato. Gioielli in argento o in metallo, oggetti di uso quotidiano in legno, vimini e pelle, tessuti tipici. Interessanti anche gli oggetti sacri, come le complesse croci in metallo o legno, i dipinti a soggetto religioso e le antiche bibbie in pergamena decorata con miniature. Il Museo Nazionale rilascia l'autorizzazione per l'esportazione degli oggetti artigianali o artistici considerati tradizionali o pregiati. Al Sud è possibile acquistare i celebri poggiatesta in legno in uso presso i popoli Hamer, Banna, Karo, Galeb.
  • Foto video: Non ci sono limitazioni all'importazione e all'uso degli apparecchi fotografici. Solo l'uso del flash è limitato in alcuni luoghi di culto. Le videocamere vanno dichiarate all'ingresso del paese con la precisazione di tipo, marca e numero di serie. Tutti i luoghi turistici per i quali è richiesto un biglietto d'ingresso (compreso nel costo del viaggio) prevedono una ulteriore tassa per l'uso della videocamera (a carico del singolo viaggiatore interessato). Si raccomanda di fornirsi di pellicole e pile di ricambio. E' vietato tassativamente fotografare o riprendere installazioni militari, palazzi governativi, edifici pubblici, militari in divisa (obiettivi strategici).
  • Ordinamento politico: Repubblica federale;
  • Superficie: 1.134.181;
  • Popolazione: 80.000.000;
  • Densità per metro quadro: 79;
  • Capitale: Addis Abeba;
  • Fuso orario: ora solare = +2, ora legale = +1;
  • Moneta: Birr etiope;
  • Lingue: Amharico (ufficiale), Tigrè, Oromo,Inglese;
  • Religioni: Cristiana ortodossa 40%, musulmana 35%;
  • Etnie: Oromos, Amharas, Sidamos, Afars, Tigreèns;
  • Prefisso: 00251;

Visti e vaccinazioni

Formalità e visti:

Richiesto il passaporto, valido per sei mesi dopo la partenza e con almeno due pagine a disposizione. Richiesto il visto turistico, che si ottiene all'aeroporto ad Addis Abeba. Il costo e' di 20 dollari americani. All'uscita è richiesto il pagamento di una tassa d'imbarco, 20 dollari americani. Consigliamo pertanto di munirsi di almeno 40 dollari per queste spese (il visto e le tasse d'uscita non sono pagabili in Euro), mentre è possibile utilizzare gli Euro per acquistare la valuta locale, il Birr (1 Birr = 10 centesimi di Euro circa). Ogni viaggiatore deve controllare personalmente la validità del proprio passaporto e della marca da bollo. L'organizzazione non ha alcuna responsabilità nel caso di impossibilità a partire o ad entrare nel paese di destinazione a causa di documenti non idonei.

Vaccinazioni

Consigliata - a scopo cautelativo - la profilassi antimalarica.