Gujarat 26.12

durata viaggio 13 giorni

1° giorno – 26 dicembre
Italia – Mumbai

Partenza dall’Italia per Mumbai. Arrivo al mattino del giorno seguente. 

2° giorno – 27 dicembre
Bhuj

Arrivo a Mumbai. Alcune stanze saranno a disposizione per rinfrescarsi prima di proseguire con il volo per Bhuj. Arrivo e sistemazione in un lodge immerso nella natura della regione del Kutch. Cena e pernottamento al Kutch  Wilderness Kamp.

3° giorno – 28 dicembre
Bhuj e i villaggi tribali

Giornata da dedicare alla visita delle comunità locali: Jat, Harijan, Meghwal e Mutva, tutte genti custodi di antiche tradizioni. La visita dei villaggi offre l’opportunità per un contatto con una realtà umana al di fuori dei classici circuiti turistici. Le attività artigianali fervono: dipinti, ricami, sculture in legno vengono prodotti con tecniche tradizionali da sapienti maestri. Cena e pernottamento al Kutch  Wilderness Kamp.

4° giorno – 29 dicembre
Bhuj – Dasada

Al mattino visita della cittadina di Bhuj: Prag Mahal, palazzo in stile  gotico italiano del XIX secolo, Aina Mahal costruito nel XVIII secolo ed il museo Kutch, il più antico della regione del Gujarat. Si prosegue per Dasada, ai bordi del Rann of Kutch. La visita a questa zona costituisce un’immersione nella vita dei piccoli villaggi, popolati da un’interessante mélange di etnie diverse. Escursione in fuoristrada nelle piane saline del Little Rann of Kutch, praticamente prive di vegetazione se non fosse per qualche macchia di verde che attecchisce sulle rare “isole”, le alture che emergono dalla pianura. Il commercio del sale è praticato qui da secoli. Questa regione inospitale accoglie una ricchissima avifauna, tra cui i fenicotteri, ed animali più rari come l’asino selvatico indiano, specie in via d’estinzione della quale è possibile avvistare gli ultimi esemplari. Sistemazione nei bungalows di Rann Riders. Cena e pernottamento.

5° giorno – 30 dicembre
Patan-Modhera

Patan, antica capitale Hindu, conserva interessanti templi jainisti. Una visita merita il celebre Rani-ki-vav, grandioso pozzo a gradini costruito più di 1000 anni fa che custodisce mirabili sculture. Patan è nota per la produzione dei saree in seta patola, sarà possibile visitare un laboratorio e assistere al lavoro al telaio. Si prosegue per Modhera, che custodisce un millenario tempio dedicato a Surya, il Dio del sole. Ricorda il celebre tempio di Konarak, in Orissa, eretto due secoli dopo. Proprio come il tempio di Konarak è stato costruito in modo tale che, durante gli equinozi, il sole giunga a illuminare l’immagine della divinità. In serata rientro al Rann Riders. Cena e pernottamento. 

6° e 7° giorno – 31 dicembre e 1° gennaio
Bhavangar e Palitana

Si prosegue per Bhavangar, città marinara il cui porto è delimitato da chiuse per permettere alle navi di restare alla fonda anche con la bassa marea. Bhavangar possiede un interessante mercato e custodisce il Takhteshwar Temple, posto in cima a una collina che domina la città e il Golfo di Cambay. Il giorno successivo la  giornata è dedicata al magnifico complesso templare di Palitana, composto da 863 templi jainisti eretti in epoche molto diverse sulla collina di Shentrunjaya a partire da 900 anni fa, ambita mèta di pellegrinaggio di ogni jainista, uno dei più grandiosi esempi di arte e architettura sacra di tutta l’India. L’ascesa alla collina prevede la salita di circa 3500 scalini; che non sono difficili da salire ma che comunque richiedono circa un’ora e mezza di… attività! In alternativa si possono assoldare dei portatori e salire su di un dholi, una portantina, godendo del paesaggio che progressivamente si apre alla vista. A valle scorre il Fiume Shetrunji. Ed infine si giunge alla bianca muraglia che cinge i templi, la cui visita porta in una dimensione mistica che è difficile da descrivere. In serata si fa rientro a Bhavnagar. Pernottamento al Nilambagh Palace.

8° e 9° giorno – 02 e 03 gennaio
Lothal e Jambughoda

Partenza per Jambughoda con sosta a Lothal,  importante sito archeologico vecchio di 4500 anni. Si tratta di una città la cui origine si rifà alle grandi civiltà dell’Indo che avevano i principali centri a Mohenjodaro e Harappa (oggi in Pakistan). La città ha un impianto strutturale molto regolare, con una lunghezza di 1,75 km e una larghezza di 400 m, e costruzioni in mattoni razionalmente concepite. La cosa che colpisce di più è l’elaborato sistema di drenaggio delle acque: ogni casa aveva il suo “bagno” connesso con tubazioni sotterranee al canale principale della città. In serata si raggiunge Jambughoda. Il giorno successivo la giornata è dedicata alla visita dei piccoli villaggi tribali delle etnie Bhil, Ratwa e Nayak, che vivono in minuscoli insediamenti isolati, piuttosto distanti tra loro, fatti di capanne di fango ricoperte di paglia. A difendere il villaggio dagli spiriti maligni sono poste figure votive in terracotta e le pareti delle abitazioni sono decorate con i tipici pithoras, pitture 
murali dal soggetto prevalentemente animista derivate dagli antenati pre-indù. E’ un’altra India, lontana dai palazzi principeschi carichi di storia, è l’India tribale autentica.  Sistemazione al Jambughoda Palace. 

10° giorno – 04 gennaio
Champaner 

Partenza per Champaner, antica capitale Rajput fondata nell’VIII secolo lungo un’importante via commerciale. La spettacolare città si stende ai piedi di un colle alto 800 m, la collina di Pavagadh, che si erge nel mezzo della piana. Nel 1484 subì l’invasione musulmana ad opera del Sultano Mahmood Bogara, che la conquistò e vi fece edificare numerose moschee. Oggi la città è patrimonio dell’UNESCO. Vanta una serie di fortificazioni alcune delle quali si estendevano dalla cima del colle fino alla piana. Costruite in arenaria, le possenti mura sono inframmezzate da bastioni. Ben 5 le moschee in buono stato di conservazione, la più importante delle quali è la Jama Masjid, tipici esempi di architettura indo-saracena. In serata si raggiunge Ahmedabad.  Sistemazione all'hotel Riviera Sarovar Portico.

11° giorno – 05 gennaio
Ahmedabad

Visita della principale città del Gujarat, una città caotica, trafficata, inquinata come tutte le grandi città indiane. Attraversata dal fiume Sabarmati, Ahmedabad custodisce mirabili esempi di architettura indo-saracena ed è celebre per ospitare il Sabarmati Ashram, fondato dal Mahatma Gandhi nel 1915. La Moschea di Ahmed Shah, costruita nel 1914, è una delle più antiche ed è stata edificata là dove sorgeva un tempio jainista. La Jama Masjid, costruita nel 1423 con i materiali ricavati dalla demolizione di un tempio jainista, è stata pesantemente danneggiata dai vari sismi che hanno caratterizzato la storia del Gujarat. Proseguiamo la visita al museo Calico ospitato nella magnifica residenza della famiglia Sarabhai. Nei giardini di questo splendido edificio sono stati riprodotti i famosi havelis di legno intarsiato per ospitare una collezione di rari tessuti  risalenti al XVII secolo. Questo museo tessile è considerato uno dei migliori al mondo. Sistemazione all’hotel Riviera Sarovar Portico.

12° giorno – 06 gennaio
Ahmedabad -  Mumbai

Non può mancare una tappa al celebre Sabarmati Ashram, appena fuori città, che fu la base da cui Gandhi organizzò la lotta per l’indipendenza. Proprio da qui il Mahatma intraprese la “marcia del sale” nel marzo del 1930, per opporsi al monopolio britannico sulla produzione e commercio del prezioso elemento. Le stanze in cui alloggiava Gandhi, semplici e spoglie, sono oggi state trasformate in un piccolo museo. Nel pomeriggio trasferimento in aeroporto e partenza per Mumbai. Arrivo e sistemazione in hotel. Pernottamento.

13° giorno – 07 gennaio
Italia

Al mattino presto trasferimento in aeroporto ed imbarco per l’Italia, dove l’arrivo è previsto nel primo pomeriggio.
 
 
La lista definitiva degli alberghi sarà disponibile solo a prenotazioni avvenute.
 
 

Prezzi per persona in camera doppia – partenza da Milano – minimo 10 partecipanti

Prezzi e date di partenza

data di partenza rientro Note particolari Prezzo HS Calc
2017 Mar. 26 Dic Dom. 07 Gen accompagnato da Adriano Curzi 2850 180

Calcolo del prezzo


Descrizione Costo
Costi fissi
Prezzo base a persona in camera doppia € 2850
isc + assicurazione medico/bagaglio € 80
Supplemento alta stagione € 180
Tasse aeroportuali indicativamente* € 386
Costi accessori e supplementi
Supplemento camera singola € 420
Visto di entrata nel paese/i € 90
  TOTALE DEI COSTI  

costi annessi e supplementi


Costo a persona Prezzo
Tasse Aeroportuali, da verificare al momento dell'emissione del biglietto € 386
Sistemazione in singola € 420
Iscrizione ed Assicurazione medico-bagaglio € 80
Visto di entrata nel paese/i € 90


La quota comprende:
I voli a/r in classe Economy
Trasferimenti con veicolo privato con aria condizionata
Sistemazione in hotels come da programma con trattamento di bed & breakfast
Tutte le visite citate e le entrate ai relativi siti/musei
Guide di lingua inglese 
Accompagnatore dall'Italia
 
La quota non comprende:
Il visto d’ingresso 
L’iscrizione e l’assicurazione medico/bagaglio 
Le tasse aeroportuali, security tax & fuel surcharge 
I pranzi e le cene
Bevande, mance, quanto non espressamente citato
 
Supplementi:
Camera singola:
Pensione completa: € 350
Vettore aereo alta stagione – da riconfermare in fase di prenotazione
Assicurazione annullamento facoltativa
 
 
 
**Data la variabilità delle tasse aeroportuali, security tax e fuel surcharge il loro importo definitivo sarà disponibile a 21 giorni dalla data di partenza.
I servizi in India sono pagati in Euro. Le quote non sono suscettibili ad adeguamento valutario.

 



Assicurazione Annullamento facoltativa


Quota di partecipazione al viaggio Premio per assicurato
Fino a € 1.500,00 € 35
Fino a € 2.000,00 € 50
Fino a € 2.500,00 € 60
Fino a € 3.000,00 € 70
Fino a € 4.000,00 € 90
oltre e fino a € 8.000,00 € 120


Attenzione: la richiesta di assicurazione contro il rischio annullamento va confermata contestualmente alla conferma del viaggio e viene resa operativa al momento del ricevimento dell'acconto.

torna ad info e viaggi: India

Punti forti del viaggio

In Breve...

Richiesto per partire:

  • Passaporto valido
  • Visto/i ottenibile in loco