Monasteri in Festa!

durata viaggio 14 giorni

1° giorno
Italia-Kathmandu
Partenza dall’Italia con volo di linea per Kathmandu, dove l’arrivo è previsto per il giorno successivo.
 
2° giorno
Kathmandu
Arrivo in aeroporto, disbrigo delle formalità di ingresso, trasferimento e sistemazione in hotel. Tempo per relax. Cena e pernottamento in hotel. (Altitudine 1400 mslm).
 
3°  giorno
Kathmandu: Bhaktapur, Boudanath, Pashupatinath
Intera giornata dedicata alla visita della valle di Kathmandu. Partenza per andare alla scoperta di Bhaktapur, situata a circa 30 minuti da Kathmandu, sull'antica via commerciale per il Tibet. La città è splendida ed ha conservato intatto il carattere tradizionale dell’epoca Malla, nella sua Durbar Square, nei suoi templi, santuari, edifici, fontane, e nelle vie animate da vasai, intagliatori di legno, tessitori e numerosi artigiani di tradizioni centenarie. Proseguendo, Boudanath ci mostra, per contrasto, la spiritualità buddista tibetana: il colossale stupa di Boudanath è lo stupa più grande del Paese e uno dei più grandi al mondo; costruito nel V secolo dopo Cristo, fu voluto dal Re Lichchhavi Man, ha base ottagonale e al suo interno si trovano le celebri ruote per la preghiera. E' circondato dal mercato tibetano e da numerosi monasteri. Dopo pranzo proseguimento per Pashupathinath, sacro luogo induista dedicato a Shiva dove centinaia di fedeli e pellegrini si radunano sulle rive sacre assieme ai santoni e ai curiosi. Pernottamento e mezza pensione.
 
4° giorno
Kathmandu-Paro-Thimphu
Al mattino trasferimento all’aeroporto di Kathmandu e partenza con volo di linea per il Bhutan, dal finestrino è possibile ammirare alcune tra le cime più alte dell'Himalaya! Al centro di una vasta e fertile vallata punteggiata da abitazioni rurali  la valle di Paro, a 2200 mslm,  è unica nella sua bellezza. Un mosaico di risaie intervallate a radure con salici piangenti e casette in legno. Dopo aver sbrigato le formalità d'ingresso e doganali, partenza per Thimphu, la capitale situata a 2300 msml, che si raggiunge dopo circa un’ora e mezza di strada tra villaggi, monasteri e chorten (stupa in tibetano). Arrivo a Thimphu e sistemazione in hotel. Nel pome-riggio si comincia ad esplorare e ad avvicinarsi alla cultura di questa terra. Una passeggiata tra le sue vie senza semafori (Thimphu è l’unica capitale al mondo senza semafori!) e possibilità di visita della Biblioteca Nazionale, della Scuola di arti tradizionali e del Museo del Folk Heritage. Pernottamento e pensione completa.
 
5° giorno
Festival di Thimphu
In questa giornata si partecipa alle principali celebrazioni del Festival di Thimphu che si svolge nel cortile del Trashi Chhoe Dzong il più importante Dzong (fortezza-monastero sede allo stesso tempo del potere religioso, politico e economico) della città. I festival bhutanesi sono chiamati Tsechu e sono uno straordinario insieme di musiche sacre e danze in costume, con maschere rituali, eseguite da monaci e da laici che rievocano la vita e gli insegnamenti di Guru Rinpoche, universalmente riconosciuto come il fondatore delle scuole del buddhismo tibetano. Visita dei principali siti d’interesse della città: oltre al Trashi Chhoe Dzong, il Kuensel Phodrang o Buddha Gigante, un’enorme statua alta più di 50 metri, situata sulla cima di una collina che domina la città; il Grande Chorten, con le statue delle divinità tantriche, costruito in memoria di Jigme Dorje terzo re del Bhutan. Pernottamento e pensione completa.
 
6° giorno
Thimphu-Gangtey (128 km-4 ore circa)
Dopo la prima colazione partenza per Gangtey, nella valle di Phobjikha (altitudine 2900-3200 mslm). Lungo il percorso sosta per la visita del Simtokha Dzong il cui nome ufficiale è Sangak Zabdon Phodrang (Palazzo del Significato Profondo dei Mantra Segreti), antico complesso monastico, ora sede dell’Università Buddhista. Si prosegue lungo la pittoresca strada che valica il passo Dochu La (3100 smls), qui tra i 108 stupa disseminati  si possono ammirare le cime innevate dell’Himalaya orientale. Prima di raggiungere Gangtey sosta nella vicina Lobesa dove, con una piacevole passeggiata, attraversando il villaggio e le risaie si visita il Chimi Lhakhang - “tempio della fertilità” - santuario intriso di leggende, tradizioni e spiritualità costruito nel 15° secolo in onore di Lama Drukpa Kunley, il “folle divino”, uno dei santi più venerati del Bhutan, dove lasciando una piccola offerta si può ricevere la benedizione dei falli in legno, avorio e pietra. Pernottamento e pensione completa.
 
7° giorno
Festival Gangtey-Trongsa (78 km-2 ore e mezza circa)
Partecipazione alle principali celebrazioni del Festival di Gangtey a partire dalla mattina presto. Tra le diverse celebrazioni talvolta è possibile assistere alla cerimonia dell'ostensione Thongdrol al Gangtey Gonpa (monastero). Trattasi dell'esposizione di una tanka gigantesca (un dipinto su tessuto) a cui vengono attribuiti particolari poteri. Queste feste religiose vengono celebrate ogni anno e sono un incontro sociale dove la gente partecipa per gioire della compagnia e sfoggiare abiti di festa.
Dopo pranzo proseguimento per Trongsa situato a 2200 mslm abbracciato da una suggestiva cornice di montagne. Fondata nel XVI secolo, è la città d’origine dell’attuale famiglia regnante. Lo Dzong dai tetti dorati, visibile già a molti chilometri di distanza, domina la valle e per secoli ha consentito il controllo dei traffici mercantili, infatti l’unica via che attraversava il Bhutan da est ad ovest passava per il cortile del monastero. Pernottamento e pensione completa.
 
8° giorno
Trongsa-Bumthang (80 km – 3 ore circa)
Partenza per Bumthang (2800 mslm), nome generale dato al complesso di quattro valli: Chumey, Choekhor, Tang e Ura con altitudini che variano dai 2600 ai 4000 metri. La valle di Bumthang è il cuore religioso di tutto il Bhutan e vi si trovano alcuni dei più antichi monasteri dove in passato numerosi Lama di elevato lignaggio hanno soggiornato, meditato e fondato complessi monastici per la diffusione del Buddismo. Superato il passo Yotung a 3536 metri, si discende nella vallata Chumey fino a Zuney dove si potrà visitare il centro tessile che produce gli indumenti di lana “yathra”. Pernottamento e pensione completa.
 
9° giorno
Bumthang: Thangbi Mani Festival
Dopo colazione si parte per il monastero di Thangbi dove si svolge il festival di Thanghi Mani. Questo festival è organizzato dalla gente di tre villaggi di Bumthang: Tangbi, Goling e Kharsath. Il Festival mostra il ricco patrimonio culturale dell'antico tempio e richiama gli abitanti di diversi villaggi. I bhutanesi credono che questa festa porti felicità, raccolto migliore e prosperità al villaggio. Nel pomeriggio si prosegue con lo Dzong Jakar, ora sede degli uffici amministrativi, “la fortezza dell’uccello bianco”. La giornata si conclude con la visita all’istituto privato Karchu Dratshang retto da sua eminenza Namkai Ningpo Rinpoche. Pernottamento e pensione completa.
 
10° giorno
Bumthang-Punakha (217 km-6 ore circa)
Dopo la prima colazione proseguimento per Punakha (1200 mslm), capitale del Bhutan fino al 1955. Visita del Punakha Dzong, costruito alla confluenza dei fiumi Mo Chu e Po Chu, forse uno degli Dzong (monastero-fortezza) più belli di tutto il Bhutan ed oggi residenza invernale dei monaci. Pernottamento e pensione completa.
 
11° giorno
Punakha-Paro (126 km-4 ore circa) 
Dopo colazione partenza per Paro (2200 mslm) attraversando nuovamente il passo  Dochu La.  Arrivo a Paro e visita del Paro Dzong costruito nel 1646 da Zhabdrung Ngawang Namgyal, passando sul ponte in legno a campate “Nymezampa” coperto da scandole e sormontato da due case di guardia che attraversa il Paro Chu,. Qui sono state girate alcune scene del film di Bertolucci “Il piccolo Buddha”. La sua torre centrale a cinque piani, il Ta Dzongsi si distingue per  le eccezionali opere in legno. Pernottamento a Paro e pensione completa.
 
12° giorno
Paro
Dopo la prima colazione salita a piedi al Monastero di Taktsang, il monastero più fotografato del paese che si erge aggrappato alla roccia. Si raggiunge con un trekking di circa 4/5 ore totali o, in alternativa, è possibile noleggiare un cavallo per raggiungere il punto panoramico. Conosciuto anche come “Nido della Tigre”, il monastero è sempre stato considerato uno dei luoghi più sacri del regno. Si dice che il Guru Padmasambava (Rinpoche) sia volato qui nell’VIII secolo sul dorso di una tigre per sconfiggere i demoni della regione di Paro che si stavano opponendo alla diffusione del buddhismo. Nel pomeriggio visita del Dumtse Lhakhang, un insolito tempio simile a un chorten, edificato nel 1433 da Thangtong Gyalpo, il famoso costruttore di ponti in ferro. Si sviluppa su tre piani che rappresentano l’inferno, la terra e il paradiso, e custodisce al suo interno dipinti murali ritenuti tra i migliori del Bhutan. Pernottamento e pensione completa.
 
NB: il trekking per raggiungere il “Nido della Tigre” è abbastanza impegnativo, richiede 3-5 ore totali di cammino in base alla propria forma fisica, la vista però ripaga ampiamente la fatica di ogni passo!
 
13° giorno
Paro-Kathmandu + Patan
Al mattino presto trasferimento in aeroporto e volo per Kathmandu. All’arrivo trasferimento e sistemazione in hotel. Nel pomeriggio visita di Patan, centro della religione Buddhista Newari. Questa è la “Città della Grazia e delle Belle Arti”, detta anche “città splendida” o “dei mille tetti dorati”, un sito architettonico di incomparabile bellezza che offre alla vista il palazzo reale, il tempio di Krishna, il tempio d’oro e vari altri templi per i quali è giustamente famosa.
In particolare si potrà ammirare quelli di Krishna Mandir, Hiranya Varna Mahavihar, Kumbeshwor, Jagatnarayan e il Rudra Varna Mahavihar, e moltissime altre costruzioni di straordinaria raffinatezza. A Patan si celebrano durante l’anno innumerevoli feste antiche originate sia dall’induismo che dal buddhismo. Pernottamento a Kathmandu, mezza pensione che include la cena. 
 
14° giorno
Kathmandu -Italia
Trasferimento in aeroporto e partenza per l’Italia, arrivo in giornata.
 

Quota per persona in doppia - minimo 4 partecipanti

Prezzi e date di partenza

data di partenza rientro Note particolari Prezzo HS Calc
2024 Mar. 10 Set Lun. 23 Set 4300 -

Calcolo del prezzo


Descrizione Costo
Costi fissi
Prezzo base a persona in camera doppia € 4300
isc + assicurazione medico/bagaglio € 80
Supplemento alta stagione € 0
Tasse aeroportuali indicativamente* € 0
Costi accessori e supplementi
Supplemento camera singola € 790
supplemeto base 2 partecipanti € 340
  TOTALE DEI COSTI  

costi annessi e supplementi


Costo a persona Prezzo
Tasse Aeroportuali, da verificare al momento dell'emissione del biglietto € 0
Sistemazione in singola € 790
Iscrizione ed Assicurazione medico-bagaglio € 80
supplemento base 2 € 340


La quota comprende:
Voli Kathmandu-Paro-Kathmandu in classe economica, franchigia bagaglio 20 kg
Tutti i trasferimenti con mezzi privati
Sistemazione in hotel selezionati di categoria superior con prima colazione inclusa
Trattamento di mezza pensione in Nepal e pensione completa in Bhutan
Guide locali parlanti inglese 
Ingressi ai siti archeologici e monumentali indicati nel programma
Tasse governative in Bhutan
Visto di ingresso in Bhutan
Accompagnatore dall'Italia a partire da 10 partecipanti
 
La quota non comprende:
Voli intercontinentali (prenotabili alla miglior tariffa al momento dell’iscrizione)
Visto d’ingresso in Nepal (30$)
Quota di iscrizione e assicurazione medico/bagaglio 
Bevande, mance, facchinaggio, extra e spese personali, quanto non espressamente citato
 
Supplementi:
Sistemazione in singola
Supplemento base 2 partecipanti
Assicurazione annullamento facoltativa: 
 

Quota di partecipazione al viaggio

Premio assicurativo

da € 1000,01 a € 2000,00

da € 2000,01 a € 3500,00

da € 3500,01 a € 5000,00

da € 5000,01 a € 8000,00

 

€ 60,00

€ 90,00

€ 150,00

€ 200,00

 

I servizi a terra sono quotati in euro e non sono soggetti ad eventuali adeguamenti valutari



Assicurazione Annullamento facoltativa


Attenzione: la richiesta di assicurazione contro il rischio annullamento va confermata contestualmente alla conferma del viaggio e viene resa operativa al momento del ricevimento dell'acconto.

torna ad info e viaggi: Bhutan

Punti forti del viaggio

In Breve...

La Terra del Dragone: annidata tra i rilievi dell’Himalaya orientale tra India e Tibet, l'antico regno  ha aperto le sue porte al turismo negli anni ‘80. Rimasto relativa-mente isolato da qualsiasi influenza occidentale ha mantenuto la sua forte tradizione radicata nel Buddhismo Mahayana. Il popolo del Bhutan è gentile, amichevole e legato da un autentico spirito religioso. Il Buddismo permea ogni aspetto della società, dal vestito rosso dei monaci che eseguono cerimonie sacre  alle ruote di preghiera che i vecchi e le donne ruotano intonando mantra. Bandiere di preghiera sventolano sulle montagne e lungo i fiumi, chorten (stupa) in ogni angolo, monasteri  che si aggrappano precariamente sulle colline. E oltre a questo, paesaggi spettacolari, immensi boschi di conifere, ruscelli impetuosi che scendono dalle pendici Himalayane, una cornice di vette innevate. È in questo contesto che si svolge il nostro viaggio, incontrando tre Tshechu, i festival, che si tengono nei Dzong, i monasteri. Durante questi festival i bhutanesi per l'occasione indossano i loro gioielli e abiti migliori, bevono tè al burro e bevande d'orzo. Ogni festival ha le sue caratteristiche e le cerimonie sono animate da danze cham:i danzatori, con il viso agghindato da meravigliose maschere, si muovono in cerchio al ritmo di tamburi, gong e trombe.

Richiesto per partire:

  • Passaporto valido
  • Visto/i da ottenere in Italia
  • Visto/i ottenibile in loco