Alla corte di Tamerlano

durata viaggio 8 giorni

1° giorno
Milano-Urgentch

Partenza in serata da Malpensa su volo di linea.

2° e 3° giorno
Khiva

Arrivo a destinazione di prima mattina. Siete a Urgentch, già nel nord-ovest dell’Uzbekistan, ad appena 30 km da Khiva, deserto stepposo, la più isolata e la più affascinante delle oasi sull’antica Via della Seta. Trasferimento immediato e brevissimo nella vecchia e perfettamente conservata cittadella e sistemazione in albergo. La visita dell’oasi è di grande impatto emotivo e si svolge lungo i suggestivi viottoli che si snodano e s’ingarbugliano tra vecchie mederse, moschee e minareti, tra palazzi da “mille e una notte”, mausolei e caravanserragli. Kalta Minor, il minareto incompiuto dalle infinite, gustosissime teorie di maioliche blu e turchese, la Moschea Juma con le sue 218 colonne di legno intarsiato, lo straordinario Harem del Palazzo Tach Khaouli, la Madrasa Khodja, il palazzo Nurullobay, sono solo una minuscola testimonianza dell’opulenza di un tempo, un piccolo esempio  delle ricchezze architetturali ed artistiche racchiuse tra le mura di Kunia Ark, i grandi bastioni di mattoni d’argilla che assieme a stravaganti potenti accolsero anche importanti personaggi come Al-Khawarismi, padre dell’algebra, e Avicenna, il grande medico e filosofo che nacque più di mille anni fa non lontano da Bukhara. Suggerita una passeggiata serale tra le stradine, magari dopo una cena-concerto, per assaporare un’atmosfera d’altri tempi. Pernottamento in albergo.

4° giorno
Bukhara

Il mattino trasferimento all’aeroporto di Urgentch per il volo che in un’ora ci porta a  Boukhara. Situata nella valle di Zerafshan, la città conserva intatto il suo “charme” autentico di grande tappa sulla Via della Seta, mèta agognata di tutti i commercianti dell’epoca, centro ricchissimo di smistamento e vendita di mercanzie varie, tappeti e gioielli, fulcro culturale di sviluppo dell’Islam. Centinaia sono i monumenti storici, le vecchie scuole coraniche, le tombe dei santi, le mederse, le moschee, ormai quasi tutte in disuso, frequentate oggi solo dai visitatori inebriati dai decori raffinatissimi, dalle maioliche, dalle architetture ardite. Tutto è visitabile, dai vecchi palazzi ai luoghi di culto di un tempo, le stradine, i bazar… e su tutto dominano le massicce muraglie dell’Ark, la possente cittadella. Cena nella vecchia città e pernottamento in albergo.

5° giorno
Bukhara-Shakhrisabz-Samarcanda

Partenza attraverso la steppa per la cittadina che vide nascere Tamerlano nel 1336, l’antica Kech della Sogdiana, che sorge ai piedi dei monti Zeravshan, uno dei centri culturali più importanti del XIV° e XV° secolo. Molti ed interessanti i monumenti, come il palazzo Ak Sarai dall’immenso portale decorato di superbe maioliche, la moschea Kok Guymbaz del 1436 dal magnifico cupolone blu, il mausoleo Gumbazi Seidan. Continuazione su Samarcanda. Cena e pernottamento in hotel. 

6° giorno
Samarcanda

La mitica. Centro principale dell’antica Sogdiana, da sempre incrocio di grandi vie commerciali provenienti dalla Cina, dalla Siberia, dalla Persia e dall’Occidente, prosperò superbamente fino all’irrompere delle orde di Gengis Khan che la travolsero come una valanga. Due secoli più tardi Tamerlano la elesse a capitale del suo impero e risorse a nuova gloria. Oggi non si può che rimanere stupiti davanti agli edifici della piazza Registan, spettacolari per la ricchezza e la varietà dei fregi, dei ghirigori, delle sfumature dal turchese al blu dei mosaici e delle maioliche. Intorno alla piazza le meravigliose madarse di Ulughbek, Sher Dor e Tilla-Kari decorate con l’abbaiante maiolica che testimonia l’evoluzione dell’architettura dei Temuridi. Visita della moschea di Bibi-Khanim (XV secolo), nei cui pressi si trova il bazar orientale Siab, la parte più viva e colorata della città. Pasti in città. Pernottamento in albergo.

7° giorno
Samarcanda-Tashkent

Il mattino visita del complesso Shakhi-Zinda, un gioiello di architettura del XIV°-XV° secolo, unico nel suo genere, dove si possono osservare tutti i processi artistici della decorazione islamica. Proseguendo verso nord si raggiungono i resti dell’Osservatorio di Ulughbek, una delle grandi scoperte archeologiche del XX° secolo. Tempo libero a disposizione. Verso le ore 16.30 trasferimento alla stazione per salire sul treno ad alta velocità Afrosiab. Per le ore 19.40 è previsto l’arrivo a Tashkent e trasferimento in hotel. Nota bene: in caso di indisponibilità del treno il trasferimento verrà effettuato via strada. Cena in un ristorante. Pernottamento in hotel.

8° giorno
Tashkent-Milano

Visita della parte vecchia della capitale. L’insieme Khasti Imam sembra chiudere degnamente questa grande carrellata nel medioevo di questa terra… Ma perché non dare uno sguardo all’unica metropolitana d’Asia Centrale ed all’animatissimo Bazar Tchorsu, davvero immenso ed incredibilmente animato? Tutte le etnie vi sono presenti (più di 120 in questo paese…) e l’incontro con la gente sarà uno dei più bei ricordi. Perché sia nei piccoli villaggi che nelle grandi città, lungo le strade o nei bazar, in Uzbekistan si respira cortesia, cordialità e simpatia, curiosità e voglia di comunicare. Davvero splendido! Nel pomeriggio trasferimento in aeroporto ed imbarco sul volo per Malpensa.
 
 
Attenzione: l’itinerario è stato redatto sulla base dell’operativo aereo con voli diretti Uzbekistan Airlines da Milano e dell’operatività del volo Urgentch-Bukhara. Questi sono voli stagionali, dunque non sempre disponibili. In caso di partenza da altre città italiane l’operativo sarà diverso e l’itinerario verrà adattato alle esigenze specifiche. Le visite previste rimarranno comunque le stesse.
 
NB: gli alberghi per questa vacanza sono stati scelti tra quelli che offrono i migliori servizi ma anche quello “charme”, quell’atmosfera suggestiva che aiuta la mente ad evadere dal consueto. Come i pasti, che lontano dalle consuetudini “internazionaliste” e anonime degli hotel saranno consumati in luoghi e ristoranti particolarmente sensibili nel presentare la grande varietà e bontà della cucina locale. Pensione completa.
 
 
 
 

 


 
Soli servizi terrestri - prezzo per persona in doppia –  minimo  4 partecipanti
 
 

Prezzi e date di partenza

data di partenza rientro Note particolari Prezzo HS Calc
2018 Dom. 08 Lug Dom. 15 Lug 1200 -
2018 Ven. 10 Ago Ven. 17 Ago 1200 -
2018 Lun. 08 Ott Lun. 15 Ott 1200 -

Calcolo del prezzo


Descrizione Costo
Costi fissi
Prezzo base a persona in camera doppia € 1200
isc + assicurazione medico/bagaglio € 80
Supplemento alta stagione € 0
Tasse aeroportuali indicativamente* € 0
Costi accessori e supplementi
Supplemento camera singola € 140
Visto di entrata nel paese/i € 110
supplemeto base 2 partecipanti € 150
  TOTALE DEI COSTI  

costi annessi e supplementi


Costo a persona Prezzo
Tasse Aeroportuali, da verificare al momento dell'emissione del biglietto € 0
Sistemazione in singola € 140
Iscrizione ed Assicurazione medico-bagaglio € 80
Visto di entrata nel paese/i € 110
supplemento base 2 € 150


 

La quota comprende:
Sistemazione in camere doppie standard 
Trasferimenti da e per l’aeroporto 
Circuito in minibus climatizzati
Pensione completa
Guida locale di lingua italiana 
Tutte le escursioni e le visite citate nel programma
Gli ingressi ai musei ed ai siti
 
La quota non comprende:
I voli internazionali e domestici
Il visto d’ingresso 
Iscrizione ed assicurazione medico/bagaglio
I permessi per filmare e fotografare nei siti
Le bevande, le mance, gli extra di natura personale, quanto non espressamente citato
 
Supplementi:
Sistemazione in singola
Supplemento base 2

 



Assicurazione Annullamento facoltativa


Quota di partecipazione al viaggio Premio per assicurato
Fino a € 1.500,00 € 35
Fino a € 2.000,00 € 50
Fino a € 2.500,00 € 60
Fino a € 3.000,00 € 70
Fino a € 4.000,00 € 90
oltre e fino a € 8.000,00 € 120


Attenzione: la richiesta di assicurazione contro il rischio annullamento va confermata contestualmente alla conferma del viaggio e viene resa operativa al momento del ricevimento dell'acconto.

torna ad info e viaggi: Uzbekistan

Punti forti del viaggio

Khiva, Bukhara, Samarcanda, Piazza Registan, Shakhrisabz, Tashkent.

In Breve...

Paese laico di grandi, stupendi contrasti. Antichità e modernità, Oriente ed Occidente. Esempi eccelsi d’arte ed architettura islamiche annegati in un contorno paesano che si libera oggi dell’impronta soviet per ritrovare storia, cultura e tradizioni indimenticate. Vodka, vino, birra, una tavola ricca che profuma di spezie e gente accogliente come non ricordiamo ormai più. Le mitiche Samarcanda e Bukhara e la cittadella di Khiva per vivere alla corte di un grande del passato e per ubriacarsi di geometrie blu e turchesi, mosaici e maioliche sfavillanti.

Richiesto per partire:

  • Passaporto valido
  • Visto/i da ottenere in Italia