Castelli di Terra

durata viaggio 12 giorni

1° giorno
Italia-Marrakech

Partenza dall’Italia con voli di linea (non compresi). Trasferimento in città. Pasti liberi. Pernottamento in hotel.

2° giorno
Marrakech-Essaouira

Partenza verso Essaouira, che si estende su una penisola stretta e bassa le cui coste sono esposte alle forti maree invernali. Il clima è sempre mite grazie al soffio degli alisei, e questo la rende una piacevole stazione balneare. Essaouira ricorda per alcuni aspetti Venezia (Orson Welles girò qui alcune scene del film “Otello”). Il porto è pittoresco, vivace grazie all’attracco dei pescherecci che immediatamente scaricano il pesce per venderlo all’asta ma anche grigliarlo e consumarlo al momento. Le case sono imbiancate a candida calce e gli infissi sono blu, e l’effetto cromatico è particolarmente gradevole. Es-saouira significa “ben disegnata”, ed il nome è dovuto al fatto che la città, unica nell’antico Marocco, fu espressamente progettata e costruita nel 1764 in una posizione strategica per la sorveglianza della costa meridionale. Le Sqala, i possenti bastioni fortificati, la proteggono esibendo cannoni spagnoli ormai inutilizzati. All’interno dei quartieri i suk offrono al visitatore mercanzie di ogni genere e l’incontro con la popolazione. Pranzo libero. Cena e pernottamento in un tipico riad. 

3° giorno
Essaouira-Agadir-Tafraout

Si lascia la città e si percorre la bella e tortuosa strada costiera fino a Agadir. E’ la regione dell’argan, albero “fossile” che risale al terziario, endemico in Marocco. La chioma, di un bel verde scuro, è ampia e arrotondata, il tronco nodoso, tortuoso e abbastanza corto, tanto che le caprette vi si arrampicano per brucare tranquillamente le foglie. L’olio di argan è ampiamente usato, sia in cucina che nella cosmesi. Raggiunta Agadir, completamente ricostruita dopo il sisma del 1960, ci fermiamo per il pranzo a base di pesce al porto, frequentato da famiglie e lavoratori locali per la freschezza. Continuiamo poi verso il cuore dell'Anti Atlante e Tafraout, un villaggio di montagna al centro di una conca circondata da massi di granito che si tingono di rosa al tramonto, uno dei luoghi più interessanti del sud marocchino, fortunatamente quasi ignorato dal turismo di massa. La cittadina sorge in una vallata coltivata e le sue case rosate dalle terrazze decorate in calce bianca sembrano in bilico tra le rocce brune. I paesaggi ricordano quelli delle Meteore greche, addolciti dalla presenza di palme, mandorli ed olivi. Granai collettivi e piccole abitazioni rurali sono abbarbicati alle rocce dalle forme così strane che hanno ispirato l'artista belga Jean Veran che in una zona isolata ha dato libero sfogo alla sua fantasia rendendo variopinta la pietra: enormi massi blu e porpora che il tempo ha un po' scolorito mitigandone la vivacità rendono, se possibile, ancor più fantastico il sito. Cena e pernottamento in hotel.

4° giorno
Tafraout-Amtoudi-Icht

Lasciamo Tafraout per valicare l'Anti Atlante in direzione sud, dove si incuneano valli che sembrano canyon, a volte secche e aride, altre volte ricche di piccole oasi rigogliose. In una di queste c'è il villaggio della tribù degli Id Aissa, piccolo agglomerato in un'oasi incassata dove si trovano due gioielli di architettura tradizionale: due granai fortificati (agadir), costruiti in pietra a secco, che sembrano geminare dallo spuntone roccioso su cui sono appollaiati. La parola agadir è in genere tradotta con "granaio collettivo", ma in realtà non è esattamente così… La proprietà di ogni cella resta individuale e ogni famiglia possiede la propria chiave. È collettiva la costruzione e la manutenzione, nel senso che gravano sulla comunità, che versa una quota in natura proprio a questo scopo. Il primo agadir domina tutta la valle, ha torri di guardia dove stavano gli uomini armati ed è composto da una settantina di celle. Il secondo è un autentico e monumentale capolavoro di architettura: tre dei suoi lati sono a strapiombo su uno spuntone di roccia intorno al quale si avvolgono "a chiocciola" le sue 90 celle. Cena e pernottamento in un resort.

5° giorno
La valle del Tamanart-Tata

Si percorre la Valle del Tamanart, che si addentra nelle pendici dell’Anti Atlante e che porta le tracce di antiche popolazioni. È un vero "museo a cielo aperto", con centinaia di incisioni rupestri testimoni della presenza durante il Neolitico di specie animali ora estinte. La geometria delle montagne, denudate dall’erosione, è quanto di più surreale si possa immaginare. I fondovalle, attraversati dai letti asciutti dei fiumi, sono abitati e coltivati a mandorli, fichi e palme, creando un cordone verde come la valle degli Ait Mansour, dove la pista sembra a tratti scorrere dentro un tunnel di vegetazione. Si scende  poi verso l'incredibile "Valle Incantata", profondo e silenzioso canyon, che si percorrerà in parte a piedi, dove il trascorrere del tempo non ha per nulla modificato l'aspetto medioevale dei villaggi di pietra. All'uscita della valle si punta in direzione di Tata, che fino agli inizi del secolo scorso rappresentava uno dei più importanti centri carovanieri e punto di riferimento per i commerci sahariani. Cena e pernottamento in albergo.

6° giorno
Tata-Isserguine-erg Chegaga

Tata viveva dei commerci con il "Bilad al Sudan" (il paese dei Neri), la sua vita religiosa era intensa, animata da confraternite (zaouya) prestigiose e antiche, in particolare quella di Agadir Lehna, dove si formavano gli studiosi di teologia e i “tolba” (gli studenti) venivano da tutto il Sud. Proprio in questo villaggio potremo vedere il funzionamento tanto semplice quanto ingegnoso dell'orologio a acqua, un sistema per calcolare esattamente l'acqua da distribuire ai vari orti dell'oasi. Una breve deviazione verso nord ci permette di visitare il più grande granaio collettivo del sud: 400 celle distribuite su 5 piani! Breve sosta a Tissint per visitare una cascata formata da un fiume dalle acque salmastre. Siamo in un angolo di Sahara, ed il fascino del deserto è avvolgente. A tratti si incontrano i letti di antichi fiumi, nei quali spunta una rada vegetazione. A Foum Z’guid si imbocca la pista che porta alle dune di Chegaga, e che attraversa il fondo liscio di un antico lago, il lago Iriki, delimitato a nord dalla muraglia del Jebel Bani. La regione è fra le più desertiche del Sud, frequentata solo da nomadi che pascolano cammelli e capre. I rarissimi pozzi sono il punto di incontro privilegiato dei nomadi e costituiscono quasi l’unica possibilità di sopravvivenza per pochi animali. Ma il deserto che tutti amano si identifica con l’erg, una sequela di dune che si accavallano formando linee sinuose. Ci fermeremo per il pernottamento fra le alte dune dell'erg Chegaga, in un campo preallestito. 

7° giorno
Chegaga-Valle del Draa-Tamnougalt

Ci si allontana progressivamente dalle dune per costeggiare il fiume Draa, il “Nilo” del sud, che presenta uno strano fenomeno naturale: il corso diventa “invisibile” e scompare nel sottosuolo per ricomparire a pochi chilometri dalla foce. Ciò avviene a Mhamid, il “finis terrae” della valle del Draa, paesino in lotta con l’invasione della sabbia e ultima oasi della famosa valle. Ha qui inizio il lungo nastro verde che è la la Valle del fiume Draa, disseminata di ksar in terra. Agadir, ksar e kasba sono frutto di un’originale architettura autoctona funzionale ad un passato in cui la difesa era la principale preoccupazione della popolazione. Il fiume alimenta un rigoglioso palmeto lungo ben 200 km ai lati del quale sorgono numerose kasba berbere, le incantevoli residenze costruite in argilla, sassi e paglia. Disabitate, trascurate, queste signorili abitazioni stanno letteralmente dissolvendosi. Eppure sono cariche di fascino, di eleganza, di leggerezza, di gusto scenografico. I materiali di costruzione sono poveri, ma il risultato finale è ricco e la ricerca ornamentale produce complessi decori geometrici che alleggeriscono le mura e le torri conferendo all’insieme un aspetto aggraziato. All’interno spesso le sale si susseguono, illuminate attraverso finestre strette, per vedere all’esterno senza essere visti. A Tamgroute, a sud di Zagora, una breve sosta permette la visita dell’interessante biblioteca coranica. Cena e pernottamento in una kasba restaurata.

8° giorno
Tamnougalt-Tizi ‘n Tazzazert-Boumalne

Ritorniamo per pochi chilometri sui nostri passi per oltrepassare l'oued Draa a Tansikht in direzione di Nekob, con i suoi numerosi ksour in terra giallo oro e le kasbah tradizionali. Nekob è il principale villaggio prima della traversata del jebel Sarhro, un antico massiccio vulcanico. Si percorre una pista che si incunea tra le montagne e salendo offre panorami incredibili sui camini lavici ormai erosi e sulle antiche colate, ora trasformate in rocce dalle forme bizzarre. Si supera il passo del Tizi 'n Tazzazert a 2200 m, oltre il quale si apre un altopiano frequentato dai nomadi Ait Atta. La discesa è più dolce, si apre su valli e villaggi fino a Boumalne du Dadès. Cena e pernottamento in albergo. 

9° giorno
Boumalne-gole del Dadès-Skoura

Boumalne è il principale centro della regione del Dadès, fiume che scende tempestoso dall'Alto Atlante e si apre un passaggio fra le rocce creando le famose e bellissime gole omonime, fra tornanti scavati sul fianco ripido della montagna e panorami austeri con formazioni rocciose dalle sagome insolite. Percorrendo una valle incassata fra rocce dai colori incredibili si continua verso il villaggio di Bou Tharar, fra i più suggestivi, tutto in terra e con decorazioni in adobe. La pista ci porta poi nella regione della coltivazione della “rosa damaschina”, coperta da estesi roseti profumati dai quali si estraggono le essenze. Cena e pernottamento in un hotel de charme.

10° giorno
Skoura-Ouarzazate-Marrakech

Skoura è una delle più alte oasi di montagna e il palmeto è di una densità non comune. Una passeggiata nell'oasi permette di scoprire i suoi villaggi di terra, autentiche fortezze ingentilite dalle eleganti decorazioni. La kasba di Amerhidil è la costruzione più bella ed al suo interno un piccolo museo illustra la vita del palmeto. Il versante sud dell’alto Atlante offre in questa regione le montagne più belle: i colori degli strati geologici, le piccole oasi verdi, i villaggi di pietra e terra. E’ interessante il commercio dei minerali, di cui la zona è ricca, dall’ametista alla rosa del deserto, dalla barite ai geodi variopinti. Si lasciano le verdi palme spettinate per raggiungere Ouarzazate ed ammirare la kasba di Taourit, le cui torri merlate si incuneano tra le case di fango. Anch'essa in terra pressata, rappresenta la dimora signorile, monumentale e ricca, dell'ultimo pascià di Marrakech, il Glaoui. Negli ultimi anni a Ourzazate si è sviluppata una interessante industria del cinema, che sfrutta gli splendidi paesaggi e gli altrettanto splendidi edifici della regione per riprese incentrate sul Sahara. Ci attende poi un altro gioiello architettonico, Ait Benhaddou (UNESCO). Si percorrere poi "la strada del sale", la via carovaniera di un tempo, che serpeggia sui fianchi ripidi della montagna, fra villaggi silenziosi, lasciando sul fondo gli orti irrigati dal torrente. Si serpeggia tra le montagne fino a raggiungere il Tizi’n Tichka (2260 m), il silenzioso passo dal quale si domina tutto il Marocco: vallate aspre e selvagge, terrazze coltivate con caparbietà, giochi di luce sui monti circostanti, immensi spazi a perdita d’occhio. E si scende in un ambiente più verde, tra una vegetazione più ricca, fino a scorgere la grande piana e la Kotoubia, vanto e simbolo della leggendaria Marrakech. Pernottamento in hotel.

11° giorno
Marrakech

Giornata a disposizione per una visita personale della città. Marrakech sorge su di una pianura nuda cui fanno sfondo le cime dell’Atlante e sembra fuori luogo con la sua muraglia rossa, il suo esuberante palmeto, la solennità dei mausolei saadiani e la sontuosità dei palazzi ricchi di stucchi. La seconda giornata è dedicata alla visita della città, il cui cuore è Jemaa el-Fna. La piazza il mattino è il centro del commercio, affollata di bancarelle e di venditori all’asta. Dalla piazza parte il labirinto di vicoli del suk, dai magazzini pieni di stoffe, abiti e prodotti in pelle. Il pomeriggio Jemaa el-Fna è il palcoscenico per ogni sorta di esibizione, dai saltimbanchi agli incantatori di serpenti, dai ballerini ai musicisti. Intorno agli artisti che si esibiscono prospera il commercio di generi di ristoro, bevande, articoli artigianali, profumi, spezie. La notte l’affollamento non cambia, ed intensificano l’attività i ristoratori, che offrono insalate colorate, spiedini e calde zuppe, ma anche piatti tipici come le teste di montone bollite e le grandi lumache di Essaouira. E naturalmente tanto thé verde, dolce e forte, aromatizzato con profumata menta fresca. Pasti liberi. Pernottamento in hotel.

12° giorno
Marrakech-Italia

Il mattino trasferimento in aeroporto e rientro in Italia.

 
Prezzo per persona in camera doppia – solo servizi terrestri - minimo 4 partecipanti
 

Prezzi e date di partenza

data di partenza rientro Note particolari Prezzo HS Calc
2018 Mer. 26 Dic Dom. 06 Gen 1620 50
2019 Gio. 14 Feb Lun. 25 Feb 1620 -
2019 Gio. 18 Apr Lun. 29 Apr 1620 -
2019 Gio. 16 Mag Lun. 27 Mag 1620 -
2019 Gio. 11 Lug Lun. 22 Lug 1620 -
2019 Gio. 08 Ago Lun. 19 Ago 1620 -
2019 Sab. 26 Ott Mer. 06 Nov 1620 -
2019 Gio. 28 Nov Lun. 09 Dic 1620 -
2019 Dom. 29 Dic Gio. 09 Gen 1620 50

Calcolo del prezzo


Descrizione Costo
Costi fissi
Prezzo base a persona in camera doppia € 1620
isc + assicurazione medico/bagaglio € 80
Supplemento alta stagione € 50
Tasse aeroportuali indicativamente* € 0
Costi accessori e supplementi
Supplemento camera singola € 300
supplemeto base 3 partecipanti € 180
supplemeto base 2 partecipanti € 540
  TOTALE DEI COSTI  

costi annessi e supplementi


Costo a persona Prezzo
Tasse Aeroportuali, da verificare al momento dell'emissione del biglietto € 0
Sistemazione in singola € 300
Iscrizione ed Assicurazione medico-bagaglio € 80
supplemento base 2 € 540
supplemento base 3 € 180


La quota comprende:
Sistemazione in camere doppie, come da programma 
Trasferimenti da e per l’aeroporto 
Circuito a bordo di veicoli fuoristrada 
Pensione completa, esclusi i pasti a Marrakech ed il pranzo a Essaouira
Tutte le escursioni e le visite citate nel programma
Autista/guida parlante italiano 
 
La quota non comprende:
I VOLI INTERNAZIONALI
Iscrizione ed assicurazione medico/bagaglio 
I pasti a Marrakech e un pasto ad Essaouira
Le bevande, le mance, gli extra di natura personale, quanto non espressamente citato
La visita guidata di Marrakech
 
Supplementi:
Sistemazione in singola
* Alta stagione
Eventuale supplemento veglione - da definire
Base 2 partecipanti
Base 3 partecipanti
 
I servizi in Marocco vengono pagati in Euro. Le quote offerte non sono soggette ad adeguamento valutario.



Assicurazione Annullamento facoltativa


Quota di partecipazione al viaggio Premio per assicurato
Fino a € 1.500,00 € 35
Fino a € 2.000,00 € 50
Fino a € 2.500,00 € 60
Fino a € 3.000,00 € 70
Fino a € 4.000,00 € 90
oltre e fino a € 8.000,00 € 120


Attenzione: la richiesta di assicurazione contro il rischio annullamento va confermata contestualmente alla conferma del viaggio e viene resa operativa al momento del ricevimento dell'acconto.

torna ad info e viaggi: Marocco

Punti forti del viaggio

Essaouira, Tafraout, Ouarzazate, la via delle Kasbah, valle del Draa, Zagora, gole di Todra e del Dadès, Skoura, Marrakech.

In Breve...

In fuoristrada lungo strade e piste alla scoperta dell’originale architettura in terra che contraddistingue la cultura marocchina. Ksour, agadir, kasbah: espressioni di un’architettura che da materiali poveri ha saputo ricavare opere ricche di fascino ed eleganza che si integrano totalmente con la natura, fondendosi armonicamente con l’ambiente circostante. Dai poderosi bastioni sul mare di Essaouira alle belle kasbah delle osi del sud, dai potenti agadir arrampicati in posizioni strategiche alla grazia della Kotoubia che svetta nel panorama di Marrakech. Le valli coperte di palmeti e le alte montagne incise da impressionanti gole, le sabbie dorate delle dune e gli alti passi dai panorami spettacolari: anche la natura è inebriante! Un viaggio originale e coinvolgente in una realtà vicina, ma così sconosciuta... 

Richiesto per partire:

  • Passaporto valido