Speciale a spasso per il deserto

durata viaggio 18 giorni

1° giorno
Italia-Cairo-Ghiza

Partenza dall'Italia con volo di linea. Trasferimento in hotel a Ghiza. Cena libera.

dal 2° al 17° giorno
vagabondi in Sahara

Il progetto nasce proprio da un'idea di uno di voi, appassionati sahariani da tempi immemorabili. “Che ci importa di avere un programma preciso, qui nel deserto? Negli spazi infiniti? Portaci da un sasso all'altro, da una duna all'altra, lungo questa o quell'altra falesia, alla ricerca di paleosuoli, di fossili, di curiosità geologiche, di bizzarrie della natura... girovagando senza meta, persi nella bellezza luminosa del nulla, lontani da tutto e da tutti...”.
Così mi è stato detto. Ed io eseguo.
Ma non solo per accontentarvi...
Perché da sempre, nel profondo dell'anima, so quanto è bello andare a zonzo per il Sahara. Letteralmente. Inseguendo panorami da sballo, andando a curiosare in un anfratto, dietro ad un filare di dune, in un paleo-lago o ai bordi di una sebkha, spinti dal desiderio di cogliere immagini e luci magiche, attirati da una smania di cercare, da una voglia di scoprire che rodono lo spirito.
In Sahara non ci sono ostacoli, se non di tipo meccanico. La scelta della direzione da seguire è dettata da un programma da rispettare, ma in realtà ogni mattina o qualsiasi momento della giornata potrebbero venir buoni per un cambio di rotta, per una deviazione… per andar ad esplorare un rilievo che appare all'orizzonte od un “sif” che serpeggia nella piana, o anche per un ghiribizzo, o per autentico “fiuto”.
Chi mi conosce sa benissimo che non faccio mai lo stesso percorso.
Certo nella mia testa ho un canovaccio, uno straccio d'itinerario. Obbligatorio, perché bisogna depositare le tappe del percorso, seppur vaghe, ed ottenere le autorizzazioni. Perché una volta, o forse due, finiremo in un albergo a farci una doccia e riposare le stanche membra. Perché ci serviranno dei rifornimenti, acqua e carburante. Perché infine non bisognerà mancare l'ultima, unica e più importante meta finale: l'aeroporto ed il volo di rientro. Purtroppo! (mi capiterà mai qualcuno che potrebbe decidere di star via...sempre? senza limiti di tempo?)
Ecco dunque, nella mia visione, apparire la parte orientale più recondita del Deserto Bianco, le dune di Abu Muharrik e il Darb Farafra, la falesia che strapiomba sull'oasi di Dakhla. E poi magari le Djedefre's Water Mountains, probabile avamposto di epoca faraonica e le falesie assediate dalle sabbie del Gilf el Kebir, seguendo le tracce degli esploratori di un tempo e dei mitici Long Range Desert Group. Pregusto ancora una mitica cavalcata sulle creste del Grande Mare di Sabbia e l'esplorazione delle bianche scogliere di Homeimat e El Areg, ricche di fossili e paleosuoli inesplorati. E chissà cos’altro ancora... invenzioni del momento.
E' una dimensione mentale il vagabondare...
Vagabondare come fantasticare.
E dove allora meglio che in Sahara, dove si può andar dappertutto, senza limiti, senza confini, lasciandosi trasportare dal vento, dall'ispirazione, dall'estro? Animati come sempre dallo spirito genuino di un bimbo, “nudi” per farsi sorprendere da ogni piccolo dettaglio, stupiti di ogni più inattesa meraviglia, entusiasti di essere ancora una volta nel nostro elemento.

Al Cairo useremo un bell'albergo fuori città, già sulla strada per il deserto. Per raggiungerlo prenderemo la Ring Road, un anello periferico che evita il centro e i suoi celebri “imbottigliamenti”. A Dakhla saremo al suggestivo Desert Lodge, proprio sotto il Darb Farafra. E a Siwa, se mai ci passeremo, alloggeremo come di consueto al Paradise, a due passi dalla piazza centrale.
Ehilà, Vecchi e Nuovi Sahariani, ci vediamo sulle dune?
Giancarlo

18° giorno
Cairo - Italia

Trasferimento in aeroporto e partenza per l’Italia.
 


rezzo per persona in doppia – partenza da Milano/Roma – minimo 10 partecipanti con Giancarlo Salvador: € 3100,00

Prezzi e date di partenza

data di partenza rientro Note particolari Prezzo HS Calc

Calcolo del prezzo


Descrizione Costo
Costi fissi
Prezzo base a persona in camera doppia € 3100
isc + assicurazione medico/bagaglio € 80
Supplemento alta stagione € 180
Tasse aeroportuali indicativamente* € 200
Costi accessori e supplementi
Supplemento camera singola € 200
Visto di entrata nel paese/i € 25
  TOTALE DEI COSTI  

costi annessi e supplementi


Costo a persona Prezzo
Tasse Aeroportuali, da verificare al momento dell'emissione del biglietto € 200
Sistemazione in singola € 200
Iscrizione ed Assicurazione medico-bagaglio € 80
Visto di entrata nel paese/i € 25


rezzo per persona in doppia – partenza da Milano/Roma – minimo 10 partecipanti con Giancarlo Salvador: € 3100,00

 

 

 

La quota comprende:

  • I voli a/r in classe economy
  • Sistemazione in camere doppie standard in albergo, in tende doppie tipo igloo durante il circuito
  • Trasferimenti da e per l’aeroporto al Cairo
  • Circuito nel deserto a bordo di veicoli fuoristrada tipo Toyota Land Cruiser, max 5 passeggeri + autista
  • Pensione completa, esclusi i pasti al Cairo
  • Tutte le escursioni e le visite citate nel programma

 

La quota non comprende:

  • **Tasse aeroportuali, security tax & fuel surcharge
  • Il visto d’ingresso ($25,00)
  • L’assicurazione medico/bagaglio (€ 70,00)
  • I pasti al Cairo
  • Le bevande, le mance, gli extra di natura personale, quanto non espressamente citato

 

Supplementi:

  • Sistemazione in singola: € 200,00
  • ***Security tax egiziana: € 1680 (da dividere per il numero di partecipanti)
  • *Vettore aereo alta stagione: € 180,00
  • Assicurazione annullamento facoltativa:



Assicurazione Annullamento facoltativa


Quota di partecipazione al viaggio Premio per assicurato
Fino a € 1.500,00 € 35
Fino a € 2.000,00 € 50
Fino a € 2.500,00 € 60
Fino a € 3.000,00 € 70
Fino a € 4.000,00 € 90
oltre e fino a € 8.000,00 € 120


Attenzione: la richiesta di assicurazione contro il rischio annullamento va confermata contestualmente alla conferma del viaggio e viene resa operativa al momento del ricevimento dell'acconto.

torna ad info e viaggi: Egitto

Punti forti del viaggio

In Breve...

Dedicato a tutti i vagabondi del Sahara. A quelli che come me, affascinati dall’esplorazione, amano bighellonare tra dune, sebkha, montagne o semplici sassi alla ricerca della storia del mondo e dell’epopea dell’uomo, tra cielo e paleo-suoli, negli occhi la luce dell’infinito e nell’anima l’ebbrezza della libertà. Perché il deserto è più bello che altrove e il Sahara è il deserto più deserto di tutti.
Senza programma, solo una traccia alimentata dal fuoco sacro della scoperta. Col sottoscritto, Giancarlo Salvador

Itinerario: viaggiare con intelligenza e curiosità. Un motto, una bandiera.
 

Richiesto per partire:

  • Passaporto valido
  • Visto/i ottenibile in loco