Speciale maschere

durata viaggio 11 giorni

1° giorno
Ouagadougou

Voli di linea. Arrivo a Ouagadougou. Trasferimento e pernottamento in Hotel.

2° giorno
Ouagadougou – Pô

Ouagadougou, comunemente abbreviata in Ouaga, è stata dapprima la capitale dell'impero Mossi, sviluppandosi attorno al palazzo del “Mogho Naaba”, poi dell'Alto Volta ed infine, a seguito della rivoluzione operata da Thomas Sankarà nel 1984, capitale del Burkina Faso. Letteralmente “stato degli uomini integri”, definizione che ben si adattava alla figura del comandante che, purtroppo, ebbe vita breve ma che in soli 4 anni riuscì comunque a raggiungere risultati impressionanti conquistando gli incredibili traguardi di dare due pasti e 10 litri di acqua al giorno a ciascun abitante, una scuola ed centro sanitario ad ogni villaggio e promuovendo la più grande campagna di vaccinazione per bambini registrata nel mondo (affermazione dell’Unicef). Opere tangibili ed ancora visibili che hanno lasciato il segno nel cuore dei burkinabé. Ouaga oggi è una capitale in miniatura, un grosso villaggio con tanti mercati e mercatini dove comprare di tutto, ma anche un centro “moderno” con larghi viali, università e ministeri. Alla periferia della città un'imponente centro artigianale offre esempi dell'artigianato tipico del paese e non solo: maschere, gioielli, stoffe, ed ogni cosa sia passata per la mente degli artigiani dalla fervida creatività africana.  Si esce da Ouaga in direzione Sud sulla lingua d'asfalto che collega il paese al Ghana. A pochi chilometri dal confine si raggiunge Pô da cui parte una deviazione su pista per raggiungere i villaggi Gurunsi che ancora conservano le tradizionali case familiari. Enormi concessioni costituite da svariate capanne e casupole collegate tra loro da un muro di cinta. La costruzione degli ambienti, dal difficile accesso, è affidata agli uomini che modellano l'argilla direttamente sul posto, sovrapponendo gli strati di “banco” uno sull'altro seguendo il perimetro dell'abitazione e rinforzandone la struttura con tronchi e rami. L'impermeabilizzazione ed il decoro delle pareti esterne delle abitazioni è invece affidata alle donne che realizzano magnifici motivi sfruttando i colori naturali disponibili: rosso, nero e bianco... I motivi geometrici di questi decori non rispondono semplicemente ad un particolare gusto estetico dei gurunsi ma nascondondo una serie di simboli a cui il gruppo familiare e legato. Cena e pernottamento in Hotel.

3° giorno
Po - Leo

Una deviazione su pista raggiunge i villaggi Gurunsi che ancora conservano le tradizionali case familiari. Enormi concessioni costituite da svariate capanne e casupole collegate tra loro da un muro di cinta. La costruzione degli ambienti, dal difficile accesso, è affidata agli uomini che modellano l'argilla direttamente sul posto, sovrapponendo gli strati di “banco” uno sull'altro seguendo il perimetro dell'abitazione e rinforzandone la struttura con tronchi e rami. L'impermeabilizzazione ed il decoro delle pareti esterne delle abitazioni è invece affidata alle donne che realizzano magnifici motivi sfruttando i colori naturali disponibili: rosso, nero e bianco... I motivi geometrici di questi decori non rispondono semplicemente ad un particolare gusto estetico ma nascondono una serie di simboli a cui il gruppo familiare è legato. Si parte verso Leo, visitando alcuni graziosi villaggi. Pernottamento in hotel. 

4°e 5° giorno
Leo-Gaoua

Si viaggia lungo una regione poco toccata dal turismo. È la regione dei Dagarti, etnia che conserva gelosamente le proprie tradizioni animiste e costruisce tutt'oggi le proprie abitazioni come vere e proprie piccole roccaforti in ricordo delle scorribande che un tempo gli imperi Mossi e di altre etnie effettuavano sul loro territorio. Si tratta in maggior parte di piccole comunità composte da un numero ristretto di clan familiari che coltivano le terre circostanti il villaggio su cui vigila la potente divinità della Terra, il Tengan. Si entra poi nella regione dei Lobi, divisi tra Ghana, Costa d’Avorio e Burkina, dove vive il gruppo etnico più chiuso. Vivono isolati nelle loro abitazioni, piccole fortezze in argilla protette da un muro elevato senza aperture e composte da un granaio rettangolare intorno al quale si dispongono la stalla e le camere. Il capo della famiglia è la sola autorità. Responsabile di tutti e di tutto davanti al consiglio degli anziani o al governo, egli è incaricato degli altari sacrificali e dell'organizzazione del lavoro dei campi. I Lobi sono abili artigiani-artisti. Le loro statuette, utilizzate come protezione spirituale, occupano una posizione di prestigio in numerose collezioni d'arte africana. Altro dominio in cui eccellono è la musica, e particolarmente apprezzati sono i suonatori di balafon, specie di silofono in legno ed in cui calebasse (zucche) di varie dimensioni fungono da cassa armonica. Durante le visite sfrutteremo una guida parlante l'idioma lobi, indispensabile per entrare in contatto con questa popolazione schiva. Cena e pernottamento in Hotel.

6° giorno
Gaoua- Loropeni

Ad una quarantina di chilometri da Gaoua si trovano le rovine di Loropeni, imponente fortilizio di origine ancora incerta. Con una estensione di oltre 11.000 metri quadrati si tratta di uno dei più interessanti esempi di insediamento fortificato presenti in Africa dell'Ovest e per questo motivo inserito nel 2009 sotto la tutela dell'UNESCO. L'edificazione sembra risalire alla fine del primo millennio dopo Cristo quando la zona era attraversata dalle carovane che trasportano oro collegando la costa con Timbuctu. La parte oggi visibile è costituita una serie di mura in pietra di un edificio che faceva parte di un complesso di 9 fortezze ed un centinaio di edifici minori... molto resta ad oggi da scavare. Il viaggio prosegue verso la vicina Obire, sede del Regno Gan, piccolo gruppo etnico della famiglia Lobi, dove sarà possibile chiedere udienza allo Chef e alla sua corte. Un'occasione per scoprire quale ruolo ancora abbiano gli antichi regnanti nell'attuale società africana. Durante i trasferimenti è possibile incontrare dei cercatori d’oro, che scavano profondi tunnel alla ricerca del minerale prezioso, come tradizione vuole. Cena e pernottamento in Hotel. 

7° giorno
regione di Goua-Banfora

La regione di Banfora sarà capace di sorprenderci. Attraverso grandi piantagioni di canna da zucchero si raggiunge il «Dômes de Fabédougou». Nel cuore di un paesaggio fantastico, l’acqua e il vento hanno modellato le rocce a forma di cupola offrendo così uno spettacolo curioso della valle sottostante. Sempre nella stessa regione apprezzeremo le cascate di Kerfiéguela e la possibilità di un bagno refrigerante, sempre benvenuto in queste aride terre saheliane! Visita dei villaggi Turka, caratterizzati da decine di granai in laterite rossa. Rientro in Hotel. 

8° e 9° giorno
Banfora-Bobo Dioulasso

Bobo è una bella città africana, ricca di vegetazione e di atmosfere coloniali. La stazione ferroviaria, dove sosta il treno che collega il porto di Abidjan a Ouagadougou, presenta uno strano stile sudanese-moresco. Il mercato è particolarmente ricco. Qui si può trovare di tutto, dalle frittelle preparate la momento al burro di karitè, dai pezzi di ricambio usati alle larve, accuratamente essiccate al sole, per la preparazione di prelibate salse! Visita obbligata alla bella moschea in banco, in puro stile sudanese, che risale a fine '800. I suoi due minareti svettano sulla piazza ombreggiata e su Kibidwé, l'antico quartiere della città dove, in barba allo sguardo dell'islam, non è difficile trovare le donne intente nella preparazione di enormi quantità di birra. Qui nell'intrigo dei vicoli si possono incontrare artigiani che costruiscono strumenti musicali e magnifiche sculture di bronzo con l'antico sistema della cera persa. Bobo-Dioulasso è capitale dell'etnia Bobo da cui trae il nome ed è da sempre crocevia vivace di scambi tra le zone costiere ed il sahel. Vivacità commerciale che ancor ben si riconosce nell'intraprendenza dei venditori, ambulanti e non. Durante il week-end partecipiamo ad una spettacolare uscita di maschere Bobofing. Il giorno prestabilito ogni partecipante si reca alla festa abbigliato di tutto punto per assistere degnamente alla grande cerimonia. Radunata al centro del villaggio , la folla diventa impaziente : le maschere stanno per arrivare ed il grande evento può finalmente iniziare ! Le maschere rappresentano gli spiriti del villaggio ed i defunti che guidano la vita degli uomini e di madre natura.  La sopravvivenza degli  abitanti del villaggio dipende dai campi, la produzione dei campi dipende dagli Spiriti e gli Spiriti in qualche modo dipendono dal culto che gli adepti riservano loro. Ed infatti le maschere Bobo racchiudono e rappresentano  il simbolismo relativo agli uomini , alla natura e agli Spiriti. All’improvviso il suono delle percussioni annuncia la danza. Gli Spiriti si presentano sotto forma di gufi, farfalle, antilopi, bufali e iene. I movimenti sono veloci, seguono il ritmo dei tamburi e dei flauti. Il pubblico partecipa con i canti , i commenti e le risate! Pernottamento in hotel.

10° giorno
Bobo Dioulasso-Ouagadougou

Si lascia Bobo di buon'ora per fare ritorno a Ouagadougou ma le sorprese non sono terminate. Una sosta in piccolo villaggio permetterà di assistere ad una danza di maschere della popolazione Bwa. Queste maschere in legno rappresentano i personaggi presenti nei miti delle famiglie e dei clan oppure animali e spiriti della savana. Di forte impatto la "maschera-trave", con una faccia stilizzata sormontata da un'alta trave rettangolare. Queste maschere tendono ad essere bidimensionali con impressionanti disegni geometrici e, come tutte le maschere del bacino del Volta, hanno come predominanze cromatiche il bianco, rosso ed il nero. La società Bwa, rimasta fedele all'animismo, è divisa in clan secondo le attività dalla famiglia: agricoltori, fabbri e griot (cantastorie). Arrivo a Ouaga nel pomeriggio. In serata trasferimento all’aeroporto per il volo di rientro.

11° giorno
Italia

Arrivo in Italia in mattinata.
 
 
 
 
 
 

Prezzo per persona in camera doppia –minimo 6 partecipanti con guida locale, voli esclusi
 
 
 

Prezzi e date di partenza

data di partenza rientro Note particolari Prezzo HS Calc
2018 Sab. 31 Mar Mar. 10 Apr 1995 -

Calcolo del prezzo


Descrizione Costo
Costi fissi
Prezzo base a persona in camera doppia € 1995
isc + assicurazione medico/bagaglio € 80
Supplemento alta stagione € 0
Tasse aeroportuali indicativamente* € 0
Costi accessori e supplementi
Supplemento camera singola € 230
Visto di entrata nel paese/i € 100
supplemeto base 4 partecipanti € 260
supplemeto base 2 partecipanti € 260
  TOTALE DEI COSTI  

costi annessi e supplementi


Costo a persona Prezzo
Tasse Aeroportuali, da verificare al momento dell'emissione del biglietto € 0
Sistemazione in singola € 230
Iscrizione ed Assicurazione medico-bagaglio € 80
Visto di entrata nel paese/i € 100
supplemento base 2 € 260
supplemento base 4 € 260


La quota comprende:
Sistemazione in camere doppie, come da programma 
Trasferimenti da e per l’aeroporto in Burkina Faso
Circuito a bordo di minibus
Pensione completa in circuito
Tutte le escursioni e le visite citate nel programma
 
La quota non comprende:
I voli aerei (prenotabili su richiesta)
Iscrizione ed assicurazione medico/bagaglio 
I pasti ad Ouagadougou
Le bevande, le mance, gli extra di natura personale, quanto non espressamente citato
Visto di ingresso
 
Supplementi:
Sistemazione in singola
Supplemento da 2 a 5 partecipanti  
Assicurazione annullamento facoltativa



Assicurazione Annullamento facoltativa


Quota di partecipazione al viaggio Premio per assicurato
Fino a € 1.500,00 € 35
Fino a € 2.000,00 € 50
Fino a € 2.500,00 € 60
Fino a € 3.000,00 € 70
Fino a € 4.000,00 € 90
oltre e fino a € 8.000,00 € 120


Attenzione: la richiesta di assicurazione contro il rischio annullamento va confermata contestualmente alla conferma del viaggio e viene resa operativa al momento del ricevimento dell'acconto.

torna ad info e viaggi: Burkina-Faso

Punti forti del viaggio

In Breve...

Occasione per assistere alla spettacolare uscita delle maschere in una natura selvaggia popolata da gente particolarmente ospitale dallo spirito autenticamente africano. Buttate alle spalle la nostra cultura ed avvicinate con spirito aperto queste genti semplici dalle tradizioni vivaci e dal ricco artigianato che spesso sconfina nell’arte. Incontrate qui l’Africa dei riti ancestrali, delle maschere e dei feticci, ma anche della musica e delle danze. Notevole anche l’architettura, che presenta soluzioni alternative ed originali nelle costruzioni in terra. Un incontro intrigante con etnie che non si dimenticano!

Richiesto per partire:

  • Passaporto valido
  • Visto/i da ottenere in Italia