Yam Festival-11 agosto 2020-

durata viaggio 14 giorni

 

1° giorno
Lomé

In serata arrivo ad Lomé, la capitale che si affaccia sul Golfo di Guinea. Pernottamento in albergo.

2° giorno
Lomé-Agbodrafo

Lomé è una città ordinata: da una parte il calmo quartiere amministrativo, dove si lasciano ammirare alcuni edifici in stile coloniale; dall’altra il vivace quartiere degli affari, dominato dal mercato centrale. Qui dominano le “nana benz”, le donne d’affari che commerciano in tessuti stampati provenienti dall’Olanda e distribuiti in tutta l’Africa occidentale: un’attività molto redditizia! Visita della città e sosta al “mercato dei feticci”, il più grande dell’Africa Occidentale, dove si trova in vendita mercanzia decisamente particolare: teschi di scimmia, pelli di serpente, pipistrelli e tutti gli ingredienti necessari alla preparazione di pozioni magiche. La città è un centro importante anche per l’acquisto di pezzi d’antiquariato, tessuti e artigianato africano. E per le manifestazioni vudu. In tutta la regione del litorale del Benin e del Togo il vudu è la religione tramandata dagli antenati ed è praticata con fervore. Si tratta di un’esperienza religiosa molto più ricca e complessa si quanto si pensi in Europa. Il vudu non è una bassa forma di magia nera ma una religione che da’ senso e ordine alla vita di milioni di persone, qui e altrove nel mondo. Nella “brousse”, la savana, potremo andare alla scoperta del vudu in un villaggio sperduto. Durante la cerimonia può succedere che tra suoni di tamtam, danze, canti e sacrifici alla divinità, tale o talaltro Vudu s’impossessi d’alcuni adepti, dando luogo ad autentiche manifestazioni di trance. Un fenomeno molto complesso e difficile da comprendere per gli occidentali. Potremo rimanere perplessi, scettici e razionali, ma vivremo comunque un’esperienza forte e coinvolgente. Cena e pernottamento in hotel.

3° giorno 
Agbodrafo-Ouidah

Il vudu è veramente radicato nello spirito di queste genti e ce lo dimostra la Celestial Church, un interessante esempio di sincretismo religioso che unisce  elementi vudù e cristianesimo. Sarà illuminante incontrare i fedeli e i sacerdoti, assistendo a riti di esorcismo, profezie e trance. Si attraversa il confine con il Benin e si raggiunge Ouidah, considerata una delle capitali del vudù africano. In questa città, antico porto del traffico negriero dall'architettura afro-portoghese decadente, coabitano uno di fronte all'altro il tempio dei pitoni e la cattedrale cattolica. La lentezza dei personaggi inondati dal sole... il battito lontano delle onde sulla spiaggia... il ritmo dei tamburi rappresentano l'eco mormorante di colonne di schiavi imbarcati verso terre lontane. Un'atmosfera al di fuori del tempo, molto ben descritta da Chatwin nel suo libro «Il viceré di Ouidah». A Ouidah visiteremo il Tempio dei Pitoni, dove questi serpenti sono venerati come vudù protettori della città; il forte portoghese, trasformato in museo sulla tratta degli schiavi; la via del non-ritorno percorsa dai prigionieri prima di partire in direzione del nuovo mondo. Pernottamento in hotel.

4° giorno 
Ouidah-Ganvié-Dassa

Si riparte verso l’estesa regione lacustre che accoglie Ganvié, grande villaggio su palafitte raggiungibile dunque solo via acqua. Gli abitanti appartengono all’etnia Tofinou, costruiscono le loro capanne su dei pali di teck e ricoprono i tetti delle loro abitazioni con una spessa coltre di paglia. La pesca è l’attività principale di questa popolazione il cui isolamento ha permesso il mantenimento di abitudini di vita e di regole di costruzione originali. E’ curioso assistere a questa vita acquatica, a questo andirivieni tranquillo di piroghe,  a questo traffico in cui il rumore è dato dal ritmo del remo, che spesso esorta al canto. Sono le piccole imbarcazioni condotte da bambini che si recano al pozzo, oppure da pescatori che partono alla ricerca di una pesca abbondante, o da donne che si recano al mercato. Mercato costituito, naturalmente, da piroghe in cui le mercanzie vengono esposte…
Ci dirigeremo poi verso Abomey dove visiteremo il Palazzo Reale, i cui muri sono decorati con i simboli degli antichi re del Dahomey. Il palazzo è ora un museo segnalato dall’Unesco come patrimonio dell’umanità e conserva tra l'altro le spoglie mortali dei re, i troni, gli antichi altari del culto, le statue e le armi. Sarà l’occasione per conoscere questo regno, la cui economia era basata sulla tratta degli schiavi. Infatti il permanente stato di guerra permetteva al Re di catturare migliaia di prigionieri che venivano poi venduti come schiavi. Al centro della corte reale si erge un tempio costruito utilizzando una mistura di argilla e sangue umano. Al culmine della loro potenza, l’harem ospitò fino a 4000 donne. Passeggiando tra gli edifici, il visitatore avrà modo di riconoscere il passato splendore della corte che sfidò con orgoglio i potenti eserciti occidentali che arrivavano per colonizzare il continente africano. Cena e pernottamento in hotel.

5° giorno 
Yam Festival

Giornata dedicata alla celebrazione dello Yam festival in un villaggio: un’esperienza privilegiata per entrare veramente in contatto con la popolazione, da spettatori… partecipi! Lo yam (igname) è uno dei principali ingredienti della dieta giornaliera in Africa Occidentale, dove questo tubero rappresenta una importante fonte di proteine. A differenza della manioca, del mais o del riso, l'igname è un prodotto originario di queste regioni ed è quindi profondamente radicato nella cultura delle popolazioni. Mangiare l'igname ovviamente è nutriente, ma, soprattutto, rappresenta un momento di comunione sociale, un segno di identità, ed assume anche significati simbolicamente superiori. E’ attraverso l'igname, infatti, che gli spiriti degli antenati si rinnovano. In agosto, la popolazione delle regioni centrali del Benin si raccoglie intorno a contabili e re per celebrare un rito di continuità. Mangiare insieme i nuovi tuberi ha infatti due scopi: da una parte ringraziare gli dei e gli antenati per il buon raccolto e dall’altra chiedere che il buon raccolto continui negli anni. Durante il festival si effettuano danze con le maschere e celebrazioni voodoo. Pensione completa. Pernottamento in hotel.

6° giorno 
Dassa-Natatingou

Sosteremo presso il feticcio di Dankoli, importante luogo di culto vudù. La presenza di diversi bastoncini di legno ricorda l’innumerevole serie di preghiere che sono state rivolte al dio locale per soddisfare i bisogni della vita di tutti i giorni: un buon raccolto, un felice matrimonio, un parto senza problemi, una promozione scolastica…. Una volta esaudita la preghiera, il richiedente torna sul luogo del feticcio per sacrificare ciò che aveva promesso: un pollo, una mucca, una capra. Le tracce di sangue, vino di palma e olio di palma che cospargono il feticcio provano che tante persone hanno visto la loro preghiera esaudirsi. Nel pomeriggio raggiungeremo gli  antichi villaggi Taneka,  situati alle pendici dei monti omonimi. Questi villaggi sono composti da capanne rotonde dai tetti conici e protetti al centro da vasi di terracotta. La parte superiore dei villaggi è abitata dai sacerdoti dei feticci, abbigliati con pelle di capra, e dai giovani iniziati. Pare che i primi abitanti, d'origine Kabyé abbiano occupato la montagna nel IX secolo d.C. Da allora altre popolazioni si sono unite a loro formando una specie di melting-pot. Ogni gruppo ha conservato i propri culti ed i propri riti d'iniziazione, e nello stesso tempo hanno creato istituzioni politiche e religiose comuni. Mentre si cammina tra case a tetto conico, su viuzze delimitate da pietre lisce, capita d'incontrare giovani ed adulti con il capo raso, semi nudi. Si preparano alle celebrazioni iniziatiche. I Taneka, considerano che per « fare » un uomo ci vuole tempo, pazienza, e tanto... sangue d'animali sacrificati. Insomma un processo lungo tutta un'esistenza, a tal punto che la vita stessa diventa un rito di passaggio. Cena e pernottamento in hotel.

7° giorno 
Natitingou-Sokode

In un paesaggio di dolci colline e altipiani incontreremo i Tamberma e i Somba, che vivono in abitazioni fortificate che non vengono riunite in villaggi. Simili nella forma ai nostri castelli medievali, queste abitazioni rappresentano uno dei più begli esempi di antica architettura africana. Il loro stile impressionò Le Courbusier, che le definì “architettura scultorea”. In effetti le case sono costruite a mano, strato su strato, aggiungendo palle di fango che vengono poi modellate sul disegno della casa in una sorta di sensuale gesto che unisce forza, precisione ed estetica. L’attaccamento alla tradizione è dimostrato dalla presenza di grandi santuari di forma fallica posti all’entrata delle case, nelle quali entreremo con il premesso accordatoci dagli abitanti per meglio comprenderne lo stile di vita. Le abitazioni sono una proiezione antropologica e cosmologica: il primo piano avvolto nell’oscurità rappresenta la morte ed è il luogo degli antenati, il secondo piano aperto al cielo rappresenta la vita ed è il luogo dove le nonne accudiscono i piccoli, fino a quando viene individuato quale antenato è ritornato a vivere nel nuovo nato. Tutto il cibo e gli animali vengono custoditi all’interno delle case, in modo da garantire la sopravvivenza del gruppo famigliare in caso di attacco nemico. Per secoli queste popolazioni hanno sfruttato il difficile accesso ai loro territori offerto dalla catena dei monti Atakora per difendersi dalla resa in schiavitù praticata dai mercanti musulmani del Nord dell’Africa. L’area è stata dichiarata patrimonio dell’umanità dall’UNESCO. Si rientra in Togo. In serata, la danza del fuoco. Al centro del villaggio un grande fuoco illumina i volti dei partecipanti che inizialmente danzano al ritmo ipnotico dei tamburi prima di tuffarsi nelle braci ardenti. Raccolgono tizzoni incandescenti e li passano più volte sul corpo oltre che portarli alla bocca, quasi li dovessero ingoiare. Nessuna ferita e nessun segno di dolore compare sui volti dei danzatori. Si tratta di coraggio? Auto-suggestione? Magia? Difficile spiegare questa performance. Forse sono davvero i loro feticci che li proteggono dal fuoco? Cena e pernottamento in hotel.

8° giorno 
Sokode-Kpalime

Trasferimento in direzione sud e sosta a Atakpame, una tipica cittadina africana costruita sulle colline, punto di convergenza dei prodotti provenienti dalla foresta limitrofa. Lavorando abilmente su piccoli telai, gli uomini producono una serie di bande di cotone o di seta dai colori vivaci e contrastanti. Queste verranno poi cucite tra di loro fino a formare i grandi panni tradizionali da portare appoggiati ai fianchi e ad una spalla: i kente. Da Atakpame ci spostiamo verso la foresta pluviale che circonda Kpalime, cittadina dal ricco passato coloniale che oggi è divenuta importante centro di commercio. Visiteremo il mercato e il centro artigianale. Passeggiata notturna alla scoperta della misteriosa foresta tropicale avvolta dalla magia dell’oscurità: la maestosità degli alberi, il suono dei tam-tam, l’eco dei richiami prodotti dagli animali… inoltre con la guida di un entomologo locale impareremo a riconoscere farfalle ed insetti endemici. Cena e pernottamento in hotel.     

9° giorno 
Kpalime-Koforidua

Frontiera del Ghana. Ci spostiamo verso la Regione del Volta per fermarci a Krobo, famosa per la produzione di perline. Alcune sono per l’appunto chiamate “krobo” ed occupano uno spazio importante nelle migliori collezioni del mondo. Visiteremo un atelier specializzato nella produzione artigianale di perline e seguiremo il processo di produzione! Gli artigiani odierni seguono la stessa tecnica di produzione tradizionalmente usata da secoli: frammenti di vecchi vetri vengono pestati e ridotti in sottilissima polvere, in seguito la stessa viene inserita in appositi stampi ricoperti di caolino. Le perle vengono poi cotte, decorate, lavate ed infine infiliate per essere usate nel corso delle feste d’iniziazione o altri culti, oltre a servire anche semplicemente come abbellimento estetico. Continuando su Koforidua potremo fare acquisti al mercato! Cena e pernottamento in hotel.

10° giorno 
Koforidua-Kumasi

In fine mattinata si raggiungono le colline di Kumasi. Oggi Kumasi, con circa 1 milione di abitanti, è una spumeggiante città con un fantastico mercato centrale, uno dei più grandi d’Africa. Ogni tipo di manufatto ashanti (pelletteria, ceramiche, tessuti kente & adinkra) si trova qui, insieme a quasi tutti i tipi di frutta tropicale e verdura. Da ammirare i cartelli pubblicitari dipinti a mano che illustrano in maniera originale non solo mercanzie, ma anche servizi diversi: dai vari tagli proposti dal barbiere alle celebrazioni dei vari oratori religiosi. Floride le attività economiche, che traggono profitto dalle opportunità offerte dalla foresta e dalle miniere d’oro soggiacenti. Kumasi è una città che può vantare anche un importante passato, incentrato sui re ashanti che dalla fine del 17° secolo ad oggi hanno mantenuto vive le tradizioni e la forza del popolo. Ashanti fu uno dei regni più potenti dell’Africa fino alla fine del 19th sec., quando gli Inglesi decisero di annetterla alla loro colonia chiamata Gold Coast. Cena e pernottamento in hotel.

11° giorno 
Kumasi

Il Palazzo Reale, che occupa tutta una collina, ospita un museo dove, accanto ad alcuni oggetti di dubbio gusto, è esposta una ricca collezione di gioielli in oro utilizzati dai dignitari di corte. L’incontro con la città evidenzierà i due aspetti che la caratterizzano grazie alla visita al museo ashanti del centro culturale e a quella visita del mercato, uno dei mercati all’aperto più vasti dell’Africa Occidentale, attraversato da un treno che a volte si ferma proprio nel bel mezzo… Da ammirare i cartelli pubblicitari dipinti a mano che illustrano in maniera originale non solo mercanzie, ma anche servizi diversi: dagli arditi tagli proposti dal barbiere alle celebrazioni dei vari oratori religiosi. Cena e pernottamento in hotel.

12° giorno 
Kumasi-Anomabu

Trasferimento verso la costa. Il Ghana conta oltre 50 edifici, tra castelli e forti, costruiti dalle potenze coloniali europee in tempi remoti come basi per il commercio dell'oro, dell'avorio, dei legnami pregiati e degli schiavi che da qui partivano verso il “nuovo mondo”. Il più antico e grande edificio europeo in Africa nera si trova qui, ad Elmina, il cui castello è oggi considerato Patrimonio dell’Umanità. Nel corso della sua storia è stato utilizzato come luogo fortificato di stoccaggio e quel che si visita oggi è il risultato dei lavori realizzati da Portoghesi, Olandesi, Inglesi e autorità locali. Dal porto di Elmina ogni giorno centinaia di grandi piroghe colorate condotte da coraggiosi pescatori affrontano le pericolose acque dell’oceano sperando in una ricca raccolta. Nei villaggi costieri le strette stradine suggestive portano alla spiaggia animata da uomini indaffarati nella riparazione di reti ed imbarcazioni sullo sfondo di antiche costruzioni portoghesi che si alternano ai templi delle “compagnie asafo”, luogo in cui i guerrieri depositavano offerte votive. 

13° giorno 
Anomabu-Accra

Vivace città africana in rapida evoluzione, Accra ha saputo conservare una propria identità nei quartieri moderni come in quelli vecchi, dove si moltiplicano le attività tradizionali. Particolarmente stimolante il museo, concepito per essere al servizio della conservazione dell’arte di tutto il continente e dedito alla promozione della produzione artistica attuale. I verdeggianti quartieri amministrativi, composti da eleganti ville della prima metà del Novecento, ci ricordano che questa fu la più prosperosa delle colonie britanniche d’ Africa. Di fronte all’oceano si organizza la vita del quartiere indigeno: un villaggio circondato da una città! Qui le attività economiche seguono criteri ben diversi da quelli che governano la city, distante solamente qualche centinaio di metri. La visita della città termina nel quartiere nel quale si incontrano gli originali laboratori dei fabbricanti di sarcofagi, che propongono allegre bare dalle forme fantasiose: frutti, pesci, aerei, animali vari... Cena libera. In serata trasferimento in aeroporto ed imbarco sul volo di rientro.

14° giorno
Italia

Arrivo in Italia.
 

DATE E PREZZI DA DEFINIRE

 

 

 

Prezzi e date di partenza

data di partenza rientro Note particolari Prezzo HS Calc

Calcolo del prezzo


Descrizione Costo
Costi fissi
Prezzo base a persona in camera doppia € 2770
isc + assicurazione medico/bagaglio € 80
Supplemento alta stagione € 0
Tasse aeroportuali indicativamente* € 0
Costi accessori e supplementi
  TOTALE DEI COSTI  

costi annessi e supplementi


Costo a persona Prezzo
Tasse Aeroportuali, da verificare al momento dell'emissione del biglietto € 0
Sistemazione in singola € 0
Iscrizione ed Assicurazione medico-bagaglio € 80


La quota comprende i seguenti servizi terrestri:
Sistemazione in camere doppie standard 
Trasferimenti da e per l’aeroporto
Circuito a bordo di minibus/microbus e/o veicoli fuoristrada 4X4 
Pensione completa 
Acqua minerale durante i trasferimenti
Tutte le escursioni e le visite citate nel programma
Guida locale parlante italiano
 
La quota non comprende:
IL VOLO INTERNAZIONALE (prenotabile su richiesta)
L’importo dei visti d’ingresso 
L’iscrizione ed assicurazione medico/bagaglio 
I pasti a Lomé e ad Accra
Le bevande, le mance, gli extra di natura personale, il facchinaggio, quanto non espressamente citato
 
Supplementi:
Sistemazione in singola
Gruppo da 2 a 5 partecipanti
Assicurazione annullamento facoltativa
 



Assicurazione Annullamento facoltativa


Quota di partecipazione al viaggio Premio per assicurato
Fino a € 1.500,00 € 35
Fino a € 2.000,00 € 50
Fino a € 2.500,00 € 60
Fino a € 3.000,00 € 70
Fino a € 4.000,00 € 90
oltre e fino a € 8.000,00 € 120


Attenzione: la richiesta di assicurazione contro il rischio annullamento va confermata contestualmente alla conferma del viaggio e viene resa operativa al momento del ricevimento dell'acconto.

torna ad info e viaggi: Benin

Punti forti del viaggio

In Breve...

Lo Yam è uno dei principali ingredienti della dieta giornaliera in Africa Occidentale. In agosto, la popolazione delle regioni centrali del Benin si raccoglie intorno a contabili e re per celebrare un rito di continuità. Mangiare insieme i nuovi tuberi ha infatti due significati. Da una parte significa ringraziare gli dei e gli antenati per il buon raccolto e dall’altra chiedere che il buon raccolto continui negli anni. Il festival continua con danze di maschere e celebrazioni voodoo.

Richiesto per partire:

  • Passaporto valido
  • Visto/i da ottenere in Italia
  • Vaccinazione febbre gialla
  • Consigliata la profilassi antimalarica